Tuesday, 31 March 2020

Favoletta mia

Oggi ennesima greca, Παραμυθάκι μου | Paramytháki moy, che dà il titolo al post, tannȯ pė ccagnà. Tradotta il 5/3/20 tra le 23:07 e le 23:55. "Rimproverarmi" non sta nella musica, meglio "biasimarmi". "Severo" probabilmente è meglio che "pesante", e tra "addolorato" e "sofferente", visto che il Greco viene da "dert", "dolore", andrò per la prima. 13:40 13/4/20. Vediamola!


Σου 'παν πως είμαι μπελαλής,
Άντρας βαρύς και ντερτιλής.
Δεν λογαριάζω κι ούτε ρίχνω τεμενά,
Δεν κάνω κράτει πουθενά!
Δεν λογαριάζω κι ούτε ρίχνω τεμενά,
Δεν κάνω κράτει πουθενά!

*Παραμυθάκι μου,
Μη με μαλώνεις!
Παραθυράκι μου,
Μη μου σφαλάς!
Παραμυθάκι μου,
Μη βαλαντώνεις,
Και την καρδούλα σου,
Μην τη χαλάς!

Σου 'παν πως έδιωξα πολλές,
Κι όταν αρχίνησες να κλαίς
Σου 'παν να φύγεις από μένα μακριά,
Λες κι έχει η αγάπη γιατρειά…
Σου 'παν να φύγεις από μένα μακριά,
Λες κι έχει η αγάπη γιατρειά…

*



Ti han detto che sono un combinaguai,
Un uomo severo e pieno di dolore.
Non mi interessa e non do obbedienza,
Non mi trattengo da nessuna parte!
Non mi interessa e non do obbedienza,
Non mi trattengo da nessuna parte!

*Favoletta mia,
Non mi biasimare!
Finestrella mia,
Non chiuderti per me!
Favoletta mia,
Non intristirti,
E il tuo cuoricino,
Non spezzarlo!

Ti han detto che ne ho lasciate tante,
E quando hai iniziato a piangere
Ti han detto di fuggire da me lontano,
Come se l'amore avesse una cura…
Ti han detto di fuggire da me lontano,
Come se l'amore avesse una cura…

*
Soy 'pan pōs ë́mä mpelalí̱s,
Ántras varýs kä ntertilí̱s.
Den logariázō ki oýte ríkhnō temená,
Den kánō krátë poythená!
Den logariázō ki oýte ríkhnō temená,
Den kánō krátë poythená!

*Paramytháki moy,
Mi̱ me malṓnës!
Parathyráki moy,
Mi̱ moy sfalás!
Paramytháki moy,
Mi̱ valantṓnës,
Kä ti̱n kardoýla soy,
Mi̱n ti̱ khalás!

Soy 'pan pōs édiōxa pollés,
Ki ótan arkhíni̱ses na kläs
Soy 'pan na fýgës apó ména makriá,
Les ki ékhë i̱ agápi̱ giatrëá…
Soy 'pan na fýgës apó ména makriá,
Les ki ékhë i̱ agápi̱ giatrëá…

*



Dicon che son combinaguai,
Severo e addolorato assai.
Non me ne frega, l’obbedienza a nessun do,
Nessuno trattener mi può!
Non me ne frega, l’obbedienza a nessun do,
Nessuno trattener mi può!

*Oh favoletta mia,
Non biasimarmi!
Oh finestrella mia,
Chiusa non star!
Oh favoletta mia,
Triste non starmi,
E il cuoricino tuo,
Non lo spezzar!

Dicon che molte ne lasciai,
E quando tu piangendo stai
Ti dicon “Scappa, stai lontan da quello là!”,
Però l’amor cura non ha…
Ti dicon “Scappa, stai lontan da quello là!”,
Però l’amor cura non ha…

*

Saturday, 28 March 2020

Un amore per la primavera - ah no, per l'estate; ops :)

Oggi ennesima greca, ma con una novità. Abbiamo Μια αγάπη για το καλοκαίρι | Mia agápi̱ gia to kalokä́ri, che dà il titolo al post. Ho iniziato con l'italiano alle 16:12, poi ho visto qualche convenienza rimica nello spagnolo – presumibilmente il fatto che rimare con "verano" pare assai più semplice che con "primavera" – e l'ho tradotta tutta in spagnolo entro le 16:28, poi ho ripreso l'italiano e alle 16:37 era finito. Il tutto il 5/3/20. Quindi oggi niente traduzione letterale, poi vedo se fare qualche nota in merito. Italiano a destra, spagnolo a sinistra. Alle 3:01 del 6/3 «Quando verrà / La primavera / E ti cercherò / Rimarra solo / Una stella / E la guarderò» passa alla forma attuale. Come abbia fatto a scambiare καλοκαίρι per la primavera quando è l'estate non ne ho idea. Un'aggiustata all'incipit sarebbe «Un amor sol per un'/quest'estate», ma poi la rima è un delirio. Curiosamente ho fatto lo stesso errore collo Spagnolo, per cui doppio errore si cancella e «verano» è corretto per «estate» :). Vediamo!


*Μια αγάπη για
Το καλοκαίρι
Θα ’μαι κι εγώ
Θα σου κρατώ
Δροσιά στο χέρι*
Θα σε φιλώ.
Θα μ’ αγαπάς
Σαν καλοκαίρι
Και σαν παιδί,
Μα θα μου φύγεις
Με τ’ αγέρι
Και τη βροχή.

*
Να σε φιλώ.
# Και σαν θα ’ρθει
Το καλοκαίρι
Και σε ζητώ,
Θα μείνει μόνο
Έν’ αστέρι
Να το κοιτώ.

#



Un amor solo
Para el verano
Yo también seré
Teneré tu
Frescor en mi mano
Y te besaré
Como al verano
Y como a un niño
Tu me amarás
Con lluvia y viento,
Mi cariño,
Tu me huiras.

Un amor solo
Para el verano
Me voi a quedar
Teneré tu
Frescor en mi mano,
A ti para besar
# Cuando el verano
Va a llegarse
Y te voy a buscar,
Una estrella sola
Va a quedarse
Y dejarse mirar

#
*Mia agápi̱ gia
To kalokä́ri
Tha 'mä ki egṓ
Tha soy kratṓ
Drosiá sto khéri*
Tha se filṓ.
Tha n'agapás
San kalokä́ri
Kä san pädí,
Pa tha moy fýgës
Me t' agéri
Kä ti̱ vrokhí̱.

*
Na se filṓ.
# Kä san tha 'rthë
To kalokä́ri
Kä se zi̱tṓ,
Tha më́në móno
Én' astéri
Na to kötṓ.

#



Un amor per
La primavera
Anch'io sarò
In man terrò
La tua freschezza
Ti bacerò
Come primavera
E come bambino
Tu mi amerai
Ma poi con pioggia
E vento vicino
Mi fuggirai

Un amor sol
Per la primavera
Voglio restar
In man terrò
La tua freschezza
Te per baciar
# Quando verrà
La primavera
E ti verrò a cercar,
Resterà solo
Una stella
A me da guardar

#

Tuesday, 24 March 2020

Nuvoletta

Altra greca oggi (la serie non finisce più – e pensare che è partita come trio!), Συννεφούλα | Synnefoýla, "Nuvoletta". Tradotta in Italiano il 23/2/20, il secondo ritornello tra le 17 e le 17:22, e il resto tra le 23:13 e le 23:23. Vediamola!
Ma prima, auguri a me! Dopo una marea di traduzioni nuove, ecco finalmente che il XXVII compleanno si fissa su questa, visto che non ho canzoni di amore felice in mente, e piazzare il compleanno su una come «Lentamente vai morendo sola» è un po' triste. Almeno questa ha una melodia allegra, non sarà particolarmente felice, ma meglio delle altre intorno ad essa :).



*Είχα, είχα μια αγάπη,
Αχ, καρδούλα μου,
Που 'μοιαζε συννεφάκι,
Συννεφούλα μου.
Σαν συννεφά-, συννεφάκι
Φεύγει, ξαναγυρνάει,
Μ' αγαπάει τη μια,
Την άλλη με ξεχνάει.

Κι ένα βράδυ,
Κι ένα βράδυ,
Βράδυ, αχ, καρδούλα μου,
Διώχνω ξαφνικά
Τη συννεφούλα μου.
Δεν αντέχω,
Δεν αντέχω
Άλλο πια να με γελάει,
Μ' αγαπάει τη μια,
Την άλλη με ξεχνάει.

Κι έρχεται ο Απρίλης,
Αχ, καρδούλα μου,
Να κι ο Μάης, ο Μάης,
Συννεφούλα μου.
Δίχως, δίχως τραγούδι,
Δάκρυ και φιλί,
Δεν είν’ ά-, δεν είν’ άνοιξη
Φέτος αυτή.

Συννεφούλα,
Συννεφούλα,
Να γυρίσεις σου ζητώ,
Και τριγύρνα μ' όσους θέλεις
Κάθε βράδυ.
Δεν αντέχω,
Δεν αντέχω
Άλλο να 'μαι μοναχός,
Μ' αγαπάς τη μια,
Κι ας με ξεχνάς την άλλη.

*



*Avevo, avevo un amore,
Ah, cuoricino mio,
Che somigliava a una nuvoletta,
Nuvoletta mia.
Come una nuvole-, nuvoletta
Fugge, torna indietro,
Mi ama un [momento],
L'altro mi dimentica.

E una sera,
E una sera,
Sera, ah, cuoricino mio,
All'improvviso lascio
La mia nuvoletta.
Non sopporto,
Non sopporto
Più che mi prenda in giro:
Mi ama un [momento],
L'altro mi scorda.

E viene Aprile,
Ah, cuoricino mio,
Ed ecco anche Maggio, Maggio,
Nuvoletta mia.
Senza, senza canzone,
Lacrima e bacio,
Non è, non è primavera
Quest'anno questa.

Nuvoletta,
Nuvoletta,
Di tornare ti chiedo,
Ed esci con quelli che vuoi
Ogni sera.
Non sopporto,
Non sopporto
Più di essere solo,
Mi ami un [momento],
E scordami l'altro.

*
*Ë́kha, ë́kha mia agápi̱,
Akh, kardoýla moy,
Poy 'möaze synnefáki,
Synnefoýla moy.
San synnefá-, synnefáki
Feýgë, xanagyrnáë,
M' agapáë ti̱ mia,
Ti̱n álli̱ me xekhnáë.

Ki éna vrády,
Ki éna vrády,
Vrády, akh, kardoýla moy,
Diṓkhō xafniká
Ti̱ synnefoýla moy.
Den antékhō,
Den antékhō
Állo pia na me geláë,
M' agapáë ti̱ mia,
Ti̱n álli̱ moy xekhnáë.

Ki érkhetä o Apríli̱s,
Akh, kardoýla moy,
Na ki o Mái̱s, o Mái̱s,
Synnefoýla moy.
Díkhōs, díkhōs tragoýdi,
Dákry kä filí,
Den ë́n' á-, den ë́n' ánöxi̱
Fétos af̃tí̱.

Synnefoýla,
Synnefoýla,
Na gyrísës soy zi̱tṓ,
Kä trigýrna m' ósoys thélës
Káthe vrády.
Den antékhō,
Den antékhō
Állo na 'nä monakhós,
M' agapás ti̱ mia,
Ki as me xekhnás ti̱n álli̱.
*



Avevo, avevo un amore,
Cuoricino mio,
Che una nube sembrava,
Nuvoletta mia,
Come nuvole-, nuvoletta
Fugge e torna ancora,
Un momento lei m'ama,
E l'altro lei mi scorda.

E una sera,
E una sera,
Sera, cuoricino mio,
D'improvviso
Lascio la nuvoletta mïa.
Non sopporto,
Non sopporto
Più i giochetti che con me fa:
Un momento mi ama,
E l'altro si è scordata.

E ora arriva Aprile,
Cuoricino mio,
E anche Maggio, anche Maggio,
Nuvoletta mia
Senza, senza canzone,
Bacio e lacrima,
Non c'è, non c'è primavera
In quest'anno qua.

Nuvoletta,
Nuvoletta,
Che ritorni chiedo a te,
Esci pure con chi vuoi
Tutte le sere.
Non sopporto,
Non sopporto
Più di starmene da me,
Un momento mi ami,
E scordami il seguente.

*

Saturday, 21 March 2020

Piano piano muori sola

Oggi altra canzone greca, αργοσβήνεις μόνη | argosví̱nës móni̱, che dà il titolo al post. In versione italiana musicale, "Lenta vai morendo". Non so come diamine abbia fatto a tradurla il 29/2 e non fare mai la bozza del post fino ad oggi 21/3. Comunque l'ho tradotta in Italiano tra le 0:42 e l'1:02 del 29/2, appunto, con una modifichetta all'1:04. 21/3/20 10:33, πανάκριβα è "sontuosissimi" o "preziosissimi", e mi sa che qui è la seconda mentre ho usato la prima, andiamo a correggere. Vediamola!


Αχ
Στης ζωής τη στράτα
Αργοσβήνεις μόνη
Δίχως να ’χεις καμιά
Συντροφιά μαυρομάτα
Πώς κλαίω και θρηνώ
Για τα γλυκά σου νιάτα.

*Αν
Σε απάτησε
Και
Σε τραυμάτισε
Ο έρωτας
Που φωτίζει τα μάτια σου
Τα πανάκριβα παλάτια σου
Η αγάπη μου
Θα σε γιατρέψει
Και τ' όνειρό σου το παλιό
Θα ζωντανέψει.

*

Αχ
Στης ζωής τη στράτα



Ah
Sulla strada della vita
Lentamente vai morendo da sola
Senza che tu abbia nessuna
Compagnia dagli occhi neri
Come piango e sono in lutto
Per la tua dolce gioventù.

*Se
Ti ingannò
E
Ti ferì
L'amore
Che illumina i tuoi occhi
I preziosissimi palazzi tuoi
L'amore mio
Ti curerà
E il tuo vecchio sogno
Si avvererà.

*

Ah
Sulla strada della vita
Akh
Sti̱s zōí̱s ti̱ stráta
Argosví̱nës móni̱
Díkhōs na 'khës kamiá
Syntrofiá mav̆romáta
Pṓs klä́ō kä thri̱nṓ
Gia ta glyká soy niáta.

*An
Se apáti̱se

Se trav̆mátise
O érōtas
Poy fōtízë ta mátia soy
Ta panákriva palátia soy
I̱ agápi̱ moy
Tha se giatrépsë
Kä t' ónëro soy to palió
Tha zōntanépsë.

*

Akh
Sti̱s zōí̱s ti̱ stráta



Ah
Sulla via della vita
Piano piano muori
E la tua morte non è
Da compagna addolcita
Per la tua dolce
Gioventù pena m'ha riempita

* Se
Ingannata t'ha
E
Se ferita t'ha
L'amōre
Che illumina gli occhi tuoi
I preziosissimi palazzi tuoi
Questo amore mio
Ti verrà a curare
E il sogno tuo di tempo fa
Verrà a realizzare.

*

Akh
Sti̱s zōí̱s ti̱ stráta

Tuesday, 17 March 2020

Per cacciar via le nuvole

No! Un'altra greca? Ma non finiscono più! Ché poi mi sa che ne mancano ancora una marea, ma di bozza da fare ce n'è solo tre per ora :). Comunque oggi abbiamo Να διώξω τα σύννεφα | Na diṓxō ta sýnnefa, che dà il titolo al post. Tradotta nel cuore della notte, tra le 2:39 e le 3:18 del 25/2/20, con una modifica alle 12:41 del giorno dopo. La sineresi «le ore» non è il massimo, «passan le ore», che la evita, è meglio. Notato da qualche parte dell'11/4/20, sistemato 13:33 13/4/20. Vediamola!


Της νύχτας κυλάνε οι ώρες,
Τον ύπνο μου διώχν’ η βροχή.
Φοβάμαι μην σ' άρπαξαν μπόρες
Κι απόμεινα εγώ μοναχή.
Φοβάμαι μην σ' άρπαξαν μπόρες
Κι απόμεινα εγώ μοναχή.

*Να διώξω τα σύννεφα
Θα γίνω αγέρι.
Να φέγγω στο δρόμο σου
Θα γίνω αστέρι,
Κι αν πάλι τ' απόβραδο
Καημό θα μου φέρει,
Θα μείνω στο δρόμο σου
Να γίνω φωτιά.

*

Την πόρτα χτυπάει αγέρας,
Το σπίτι βαραίνει σιωπή.
Γυρεύω το φέγγος της μέρας,
Ζητώ τη δική σου φωνή,
Γυρεύω το φέγγος της μέρας.
Ζητώ τη δική σου φωνή

*

*

Της νύχτας κυλάνε οι ώρες,
Τον ύπνο μου πήρ' η βροχή,
Μη χάθηκες σ΄άγνωστες χώρες,
Μη σ'έδεσαν ξένοι καημοί,
Μη χάθηκες σ'άγνωστες χώρες,
Μη σ'έδεσαν ξένοι καημοί.

*

*



Della notte passano le ore,
Il mio sonno la pioggia lo caccia via.
Temo ti abbiamo rapito le tempeste,
E che io sia rimasta sola.
Temo ti abbiamo rapito le tempeste,
E che io sia rimasta sola.

*Per scacciare le nuvole
Diventerò una brezza.
Per splendere sulla tua strada
Diventerò una stella,
E se di nuovo il crepuscolo
[La tua] mancanza mi porterà,
Rimarrò sulla tua strada
Per diventare un fuoco.

*

Alla porta batte il vento,
Il silenzio appesantisce la casa.
Cerco lo splendore del giorno,
Chiedo della tua stessa voce,
Cerco lo splendore del giorno,
Chiedo la deltua stessa voce.

*

*

Della notte passano le ore,
Il mio sonno l'ha preso la pioggia.
Che tu non sia sparito in terre ignote,
Che non ti abbiano legato mancanze straniere,
Che tu non sia sparito in terre ignote,
Che non ti abbiano legato mancanze straniere.

*

*
Ti̱s nýkhtas kyláne ö ṓres,
Ton ýpno moy diṓkhn' i̱ vrokhí̱.
Fovámä mi̱n s' árpaxan mpóres,
Ki apómëna egō monakhí̱,
Fovámä mi̱n s' árpaxan mpóres,
Ki apómëna egō monakhí̱.

*Na diṓxō ta sýnnefa
Tha gínō agéri,
Na féggō sto drómo soy
Tha gínō astéri,
Ki an páli t' apóvrado
Kai̱mó tha moy férë,
Tha më́no sto drómo soy
Na gínō fōtiá.

*

Ti̱n pórta khtypáë agéras,
To spíti varä́në siōpí̱.
Gyrév̆o to féggos ti̱s méras,
Zi̱tṓ ti̱ dikí̱ soy fōní̱,
Gyrév̆o to féggos ti̱s méras,
Zi̱tṓ ti̱ dikí̱ soy fōní̱.

*

*

Ti̱s nýkhtas kyláne ö ṓres,
Ton ýpno moy pí̱r' i̱ vrokhí̱.
Mi̱ kháthi̱kes s' ágnōstes khṓres,
Mi̱ s' édesan xénö kai̱mö́,
Mi̱ kháthi̱kes s' ágnōstes khṓres,
Mi̱ s' édesan xénö kai̱mö́,

*

*



Della notte passan le ore,
La pioggia dormir non mi fa.
Temo ti abbian rapito le bore,
E che sola resti io qua,
Temo ti abbian rapito le bore,
E che sola resti io qua.

*Come vento le nuvole
Io verrò a scacciare,
E come una stella
Da te verrò a brillare,
Se ancora la sera
A me farà te mancare,
Starò sulla strada tua
E fuoco sarò.

*

Il vento da me sta bussando,
In casa il silenzio mi sta.
Del dì lo splendor vo cercando,
La tua voce io vorrei qua,
Del dì lo splendor vo cercando,
La tua voce io vorrei qua.

*

*

Della notte passan le ore,
La pioggia il mio sonno preso ha.
Spero non abbiano preso il tuo cuore
Legami lontani da qua,
Non abbiano preso il tuo cuore
Legami lontani da qua.

*

*

Saturday, 14 March 2020

Ci amavamo

Altra canzone greca oggi (per l'N-sima volta): Αγαπιόμασταν | Agapiómastan, che dà il titolo al post. Tradotta il 29/2/20 tra le 15:48 e le 16:16, anche se fino a "mentre ci baciavam", parte finita alle 15:48, ha richiesto parecchio tempo per aggiustare le rime, se ben ricordo. Per la verità ci sono due versioni cantabili, che vi presento entrambe, una a fianco all'altra, senza traduzione letterale. Tanto le due versioni si completano a vicenda sulle loro non letteralità. Mathä́name come "scoprivamo" non piace all'amica greca, vediamo 4/4/20 18:45 come farci stare "imparavamo". Se vi chiedete perché non «l'amore noi imparavam», è perché deve fare rima musicale con "fossīmo" due versi dopo, e non con "ci amavam" e compagnia. La vecchia versione era «l'amore noi scoprivāmo», che non è che ci stesse molto nella musica, adesso tocca spezzare "imparavāmo" con una pausa, e vabbè. E poi kontá è vicino, non davanti, aggiustato 18:49 4/4/20. Vediamola!


Αγαπιόμασταν, Χριστέ μου, αγαπιόμασταν,
Τα ματόκλαδά μας λιώναν σαν κοιτιόμασταν.
Στ' ακροδάχτυλα αγγιζόμαστε και τρέμαμε,
Και χαμήλωναν κοντά μας κι οι ουρανοί.
Και ποθούσα και ποθούσες να πεθαίναμε,
Τόσο νέοι, τόσο ωραίοι, τόσο αγνοί.

Αγαπιόμασταν, Χριστέ μου, αγαπιόμασταν,
Και τα χείλη μας ματώναν σαν φιλιόμασταν.
Στις κρυφές γωνιές τον έρωτα μαθαίναμε,
Κι όσα ήτανε τα λάθη, ήταν κι οι λυγμοί.
Τη στιγμή εκείνη, Θεέ μου, να πεθαίναμε,
Τόσο νέοι, τόσο ωραίοι, τόσο αγνοί.



Ci amavamo, oh Gesù mio, ci amavamo,
Le nostre sopracciglia si scioglievan mentre ci guardavam.
Sulle punte delle dita ci toccavamo e tremavamo,
Si abbassavano vicino a noi anche i cieli.
E desideravo e desideravi che morissimo,
Tanto giovani, tanto belli, tanto puri.

Ci amavamo, oh Gesù mio, ci amavamo,
E le nostre labbra sanguinavano mentre ci baciavam.
Negli angoli nascosti l’amore imparavamo,
E quanto grandi erano gli errori, [lo] erano anche i singhiōzzi.
Se in quel momento, oh mio Dio, fossimo morti,
Tanto giovani, tanto belli, tanto puri.
Agapiómastan, Khristé moy, agapiómastan,
Ta matókladá mas liṓnan san kötiómastan.
St'akrodákhtyla aggizómaste kä trémame,
Kä khamí̱lōnan kontá mas ki ö oyranö́.
Kä pothoýsa kä pothoýses na pethä́name,
Tóso néö, tóso ōrä́ö, tóso agnö́.

Agapiómastan, Khristé moy, agapiómastan,
Kä ta khë́li̱ mas matṓnan san filiómastan.
Stis kryfés gōniés ton érōta mathä́name,
Ki ósa í̱tane ta láthi̱, í̱tan ki ö lygmö́.
Ti̱ stigmí̱ ekë́ni̱, theé moy, na pethä́name,
Tóso néö, tóso ōrä́ö, tóso agnö́.



Noi ci amavam, Gesù mio, noi ci amavam,
Ci si scioglievan le sopracciglia mentre ci guardavam.
Sulle punte delle dita noi ci sfioravam,
Si abbassavano a noi vicino anche i ciēli.
E morire allora entrambi noi desideravam,
Tanto belli, tanto giovani, tanto pūri.

Noi ci amavam, Gesù mio, noi ci amavam,
Ci sanguinavano le labbra mentre ci baciavam.
In angoli nascosti l’amore imparavāmo,
Quanto grandi i nostri errori, tanto i singhiōzzi.
Ah, mio Dio, se in quel momento morti fossimo!
Tanto belli, tanto giovani, tanto pūri.

Tuesday, 10 March 2020

Se m'hai rubato il cuore

Oggi interrompiamo un attimo la serie infinita di greche, e aggiungiamo una nuova lingua all'elenco delle lingue originali: l'Hindi. Infatti abbiamo चुरा लिया है तुमने जो दिल को | Curā liyā hai tum'ne jo dil' ko, "Se tu hai rubato il [mio] cuore", a volte intitolata solo चुरा लिया है | Curā liyā hai, "Hai rubato". Eh sì, un bel "se" ritardato manco fosse Latino :). Parola per parola sarebbe «Hai rubato tu se il cuore». Comunque me l'ha fatta sentire un'amica indiana durante la sua prima lezione di chitarra impartita da me (perché improvviso anche questo :) ) il 1/3/20, il giorno dopo l'ho decifrata, e a cavallo della mezzanotte abbiamo la traduzione italiana e un po' di quella cinese, finita poi alle 1:40+, dopodiché il 3/3 verso le 12 inizio la giapponese con 4 righe, e questo è lo stato dell'arte all'inizio della bozza. E sempre il 3/3, tra le 20:02 e le 20:34, completo il giapponese. Traduzione italiana letterale sulla sinistra, italiana cantabile a destra, e sotto il giapponese. E ovviamente l'Hindi in cima.
La sera del 29/3/20 correggo la traduzione coll'amica indiana. Tre obiezioni sono saltate fuori: kahī, bäh'lānā, e ho.
  1. Bäh'lānā vuol dire "distrarre", e un po' di altre cose, ma mi pare che qui sia quello il senso, cioè "mo che m'hai fatto innamorà nun famme scurdà, nun me distrarre, 'namo ar punto e mettemose 'nzieme". O credo almeno. Quindi «Ora presomi il cuor non m'ingannare» necessita di ovvia modifica, 00:02 30/3/20. Può voler dire anche coccolare o manipolare, insomma un po' di significati.
  2. Bon, poi c'è ho, che chissà perché ho preso per congiuntivo, mentre può tranquillamente essere indicativo. In effetti può essere indicativo, imperativo, e congiuntivo. Quindi "Sii mio" o "Sei mio"? Lei dice "sei", e io mi fido. Il che vuol dire che «Fatti mio» non ha più ragion d'essere. Facciamone un «Che tu mio sei», così poi il "promettendomi" ha una completiva esplicita. 00:00 30/3/20.
  3. Kahī poi è una parola strana. Di base è il participio perfettivo femminile singolare di käh'nā, "dire", quindi potrebbe essere "ho detto", anche se poi il tipo ripete le stesse parole e dovrebbe dire kahā per avere un participio, quindi direi che quello non è. Si trova una spiegazione come "dovunque" online. Lei dice che in una domanda vuol dire "in passato", e in una non-domanda vuol dire "in futuro". Bizzarra parola. La spiegazione del Wiktionary in Hindi è Google-incomprensibile, la copio qua: «कही पु क्रि॰ वि॰ [हिं॰ कहना] कथित । कही हुई । उ॰—तब इक उपमा मो मन भई । कही कहत, किधौं उपजी नई ।— नंद॰, ग्रं॰, पृ॰ ३०८ । / कही संज्ञा स्त्री॰ [हिं॰ कहना] बात । कथन ।». Io ipotizzerei un "mai", o un "per niente", anche se quello dipende dal tempo del verbo, non dal tipo di frase. Bah. Chiederò su Quora qualche lume. Per ora la lascio così nella traduzione letterale, e nella cantabile ci ho messo un "mai", mi prendo una libertà.
In realtà c'è un'altra cosetta: «Is' jahā ko» vede "is'" con "jahā", che secondo lei vuol dire "mondo". Sì però io lo trovo solo spiegato come "dove" (e poi l'ho pure scritto sbagliato, ci va un candrabindu… o forse no, dipende a chi chiedi)… Eccolo! Dal poco che Google-capisco di questo affare, sembra che, in fondo, mi stia glossando 'sto benedetto jahāṃ con jahān' e sãsara, entrambe parole per "mondo", quindi posso dar ragione all'amica. Quindi invece di «A tutto il mondo» mettiamo «A questo mondo» (00:11 30/3/20).
E mo ovviamente correggiamo cinese e giapponese. «变成我的, / 请变成我的» diventa «你属于我,哦你属于我», 00:17. «ぼくわたしだまさないで» cambia nell'ovvio modo 00:21. E ovviamente «さあぼくわたしの / ものになって» ha pure lui bisogno di un cambiamento, 00:25.
Vediamola!


* चुरा लिया है
तुमने जो दिल को
नज़र नहीं
चुराना सनम
बदलके मेरी
तुम जिंदगानी
कही बदल
ना जाना सनम

ओ ले लिया दिल
ओ हाय मेरा दिल
हाय दिल लेकर मुझको
ना बहलाना

*

# बहार बनके आऊँ
कभी तुम्हारी दुनिया में
गुज़र ना जाएं ये दिन
कही इसी तमन्ना में

#

तुम मेरे हो
ओ तुम मेरे हो
आज तुम इतना वादा
करते जाना

चुरा लिया...
*

ओ | O
@ सजाऊंगा लुटकर भी
तेरे बदन की डाली को
लहू जिगर का दूंगा
हंसी लबों की लाली को

@

है वफ़ा क्या
इस जहाँ को
एक दिन दिखलादूंगा
मैं दीवाना

चुरा लिया...
*

ओ ले लिया दिल
हाय मेरा दिल
हाय दिल लेकर मुझको
ना बहलाना

चुरा लिया है
तुमने जो दिल को
नज़र नहीं
चुराना सनम

म ह्म म ह्म म ह्म
म ह्म म ह्म म ह्म
म ह्म म ह्म म ह्म
म ह्म म ह्म म ह्म
म ह्म म ह्म म ह्म



* Se rubato hai
Tu il [mio] cuore
Lo sguardo non
[Mi] rubare, amore
Dopo che hai cambiato
Tu la mia vita
"Kahī" un cambiamento
Non subire, amore

Oh, hai preso il [mio] cuore
Oh ahimè il mio cuore
Ahimè, avendo preso il mio cuore, me
Non distrarre

*

# Dopo esser diventata la primavera, possa io venire
Qualche volta nel tuo mondo
Che questi giorni non passino
"Kahī" solo con questo desiderio

#

Tu mio sei
Oh tu mio sei
Oggi tu avendomi promesso questo
Va' (lett. "andare" (?!))

Hai rubato…
*

Oh
@ Decorerò, anche dopo esser stato derubato,
I rami del tuo corpo
Il sangue del mio cuore darò
Delle tue labbra alla rossa risata

@

Cos'è la fedeltà?
A questo mondo
Un giorno [lo] mostrerò,
Io, tuo amante

Hai rubato…
*

Hai preso il [mio] cuore
Ahimè il mio cuore
Ahimè, avendo preso il mio cuore, me
Non distrarre

Se rubato hai
Tu il [mio] cuore
Lo sguardo non
[Mi] rubare, amore

M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…



* 如果现在有
偷走我心头
亲爱,别带走
你的眼看
把我的生活
这样改变以后,
亲爱,请你
永不来改变

哦有带走心
哦呜呼我心,
呜呼带走心后
请别分心

*

# 愿变成青春以后
有时进入你的世界
不愿这些天过啊
过得只有这段心愿

#

你属于我,
哦你属于我,
今天请这样给我
承诺才去

如果现在…
*


@ 我受了抢劫也会
布置你身体的树枝
我心的血液将给
你的唇的红色微笑

@

忠心是什么?
我,你的爱人,
有一天来给
全世界代表

如果现在…
如果现在有
偷走我心头
亲爱,别带走
你的眼看
嗯噷嗯噷嗯噷……



もしぬすんだ
こころ
視線しせん
ぬすまないで
この生活せいかつ
えたあと
わらないで
いとしい

ったよ
おこのこころ
ああったあと
をそらさないで。

*

# はるになりたい
その世界せかいはいりたい
このにちこのねがいで
ごしたくない

#

さあ、ぼくわたし
ものになったと
今日きょう約束やくそくしたあと
はなれて

ぬすんだ
*


@ そのからだえだ
なにこってもかざ
その口唇こうしんあかわらいに
この血液けつえきげる

@

忠実ちゅうじつなに?
ぜん世界せかい
ぼくわたし、その恋人こいびと
いつかせて

ぬすんだ...
*

ったよ
このこころ
ああったあと
ぼくわたしだまさないで

もしぬすんだ
こころ
視線しせん
ぬすまないで

うふうふうふん
うふうふうふん
うふうふうふん
うふうふうふん
うふうふうふん
* Curā liyā hai
Tum’ne jo dil’ ko
Nazar’ nahī̃
Curānā sanam
Badal’ke merī
Tum’ zin’dagānī
Kahī badal’
Nā jānā sanam’

Oh, le liyā dil’,
Oh hāy’ merā dil’
Hāy’ dil’ lekar’ mujh(a)ko
Nā bäh’lānā

*

# Bahār(a) ban’ke āū̃
Kabhī tumhārī duniyā mẽ
Guzar’ nā jāẽ ye din’
Kahī isī tamannā mẽ

#

Tum’ mere ho,
O tum’ mere ho
Āj(a) tum’ it(a)na vādā
Kar’te jānā

Curā liya
*

O
Sajāū̃ga luṭ(a)kar’ bhī
Tere badan’ kī ḍālī ko
Lahū jigar’ kā dū̃gā
Hãsī labõ kī lālī ko

@

Hai vafā kyā
Is’ jahāṃ ko
Ek(a) din’ dikh(a)lā-dū̃gā
Mâî dīvānā

Curā liya
*

Le liyā dil’,
Hāy’ merā dil’
Hāy’ dil’ lekar’ mujh(a)ko
Nā bäh’lānā

Curā liyā hai
Tum’ne jo dil’ ko
Nazar’ nahī̃
Curānā sanam

M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…



* Se tu rubato
Or m'hai il cuore,
Non togliermi
Il tuo sguardo, amor!
Dopo che m'hai
Cambiato la vita,
Tu non cambiare
Mai, mio amor!

O, preso m'hai 'l cuor,
Oh, ahimè, il mio cuor,
Ahimè, presomi il cuor,
Non mi distrarre!

*

# Come una primavera
Possa io nel tuo mondo entrar
Che sol con questa brama
Io non debba questi dì passar

#

Che tu mio sei,
Oh, che tu mio sei:
Oggi questo
Promettendomi parti

Se tu ruba-…
*

Oh
@ I rami del tuo corpo
Anche al verde decorerò,
Alle tue rosse labbra
Il sangue del cuore mio darò.

@

Cos'è la fedeltà?
A questo mondo
Io, tuo amante, un giorno
Farò vedere

Se tu ruba-…
*

Preso m'hai 'l cuor,
Ahimè, il mio cuor,
Ahimè, presomi il cuor,
Non mi distrarre!

Se tu rubato
Or m'hai il cuore,
Non togliermi
Il tuo sguardo, amor!

M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…
M hm m hm m hm…



* Rúguǒ xiànzài yǒu
Tōu zǒu wǒ xīntóu
Qīn'ài, bié dài zǒu
Nǐ de yǎnkàn
Bǎ wǒ de shēnghuó
Zhèyàng gǎibiàn yǐhòu,
Qīn'ài, qǐng nǐ
Yǒngbù lái gǎibiàn

Ó yǒu dài zǒu xīn
Ó wūhū wǒ xīn,
Wūhū dài zǒu xīn hòu
Qǐng bié fēnxīn

*

# Yuàn biàn chéng qīngchūn yǐhòu
Yǒushí jìnrù nǐ de shìjiè
Bù yuàn zhè xiē tiān guò a
Guò dé zhǐyǒu zhè duàn xīnyuàn

#

Nǐ shǔyú wǒ,
Ó, nǐ shǔyú wǒ,
Jīntiān qǐng zhèyàng gěi wǒ
Chéngnuò cái qù

Rúguǒ xiànzài…
*

ó
@ Wǒ shòule qiǎngjié yě huì
Bùzhì nǐ shēntǐ de shùzhī
Wǒ xīn de xiěyè jiāng gěi
Nǐ de chún de hóngsè wéixiào

@

Zhōngxīn shì shénme?
Wǒ, nǐ de àirén,
Yǒu yītiān lái gěi
Quán shìjiè dàibiǎo

Rúguǒ xiànzài…
Rúguǒ xiànzài yǒu
Tōu zǒu wǒ xīntóu
Qīn'ài, bié dài zǒu
Bǐ de yǎnkàn
Ń hm ń hm ń hm……



Moshi nusunda
Kokoro wo
Shisen wo
Nusumanaide
Kono seikatsu wo
Kaeta ato
Kawaranaide
Itoshii
O totta yo
O kono kokoro
Ā totta ato
Boku/Watashi wo damasanaide

*

# Haru ni naritai
Sono sekai ni hairitai
Kono hinichi kono negai de
Sugoshitaku nai

#

Sā, boku/watashi no
Mono ni natta to
Kyou yakusoku shita ato
Hikihanarete

Nusunda…
*

O
@ Sono karada no eda wo
Nani ga okotte mo kazaru
Sono koushin no akai warai ni
Kono ketsueki wo ageru

@

Chūjitsu wa nani?
Zen sekai ni
Watashi/Boku, sono koibito
Itsuka misete kuru

Nusunda…
*

Totta yo
Kono kokoro
Ā totta ato
Boku/Watashi wo damasanaide

Moshi nusunda
Kokoro wo
Shisen wo
Nusumanaide

U fu u fu u fun…
U fu u fu u fun…
U fu u fu u fun…
U fu u fu u fun…
U fu u fu u fun…

Saturday, 7 March 2020

Non so quanto ti amo

Un'altra canzone greca oggi, Δε ξέρω πόσο σ' αγαπώ | De xérō póso s' agapṓ, che dà il titolo al post. Tradotta in Italiano il 21/2/20, la prima strofa poco dopo le 14:30, il resto poco dopo le 15:30, con le ultime due righe sistemate alle 15:51. Facendo la bozza del post, alle 0:04 del 22/2/20, «iniziò» nel ritornello diventa «cominciò» per evitare lo iato con «scintilla». E alle 00:05 «Noi eravam due gocce» viene corretto perché sia un presente. La mattina del 3/3/20 poi arriva questa risposta, e dalla traduzione scopro un errore: «E non le basta l'occhio» dev'essere «E non la raggiunge occhio», quindi vediamo di aggiustare «E l'occhio non gli basta». 17:16 fatto. 5/3/20 12:50 «E come piccola goccia» diventa «In un diluvio una goccia», sempre sulla base di quella risposta, e anche la traduzione letterale viene aggiornata. Vediamola!


Δε ξέρω πόσο σ' αγαπώ,
Δε ξέρω πόσο σ' αγαπώ·
Μέτρο δεν έχει η αγάπη,
Είν’ απ' τον ήλιο πιο ψηλά,
Είν’ απ' τον ήλιο πιο ψηλά,
Και δεν τη φτάνει μάτι.

*Ήταν μια σπίθα στην αρχή,
Και μιας βροχής ψιχάλα…
Κι έγινε η σπίθα πυρκαγιά,
Κι έγινε η σπίθα πυρκαγιά,
Και πέλαγος η στάλα.

Η αγάπη που μας έδεσε,
Η αγάπη που μας έδεσε,
Πόνο δε θα γνωρίσει.
Είμαστε δυο σταλαγματιές,
Είμαστε δυο σταλαγματιές
Από την ίδια βρύση.

*



Non so quanto ti amo,
Non so quanto ti amo:
Misura non ha l'amore,
È più in alto del sole,
È più in alto del sole,
E non la raggiunge occhio.

*Era una scintilla all'inizio,
Ed una goccia in un diluvio…
E la scintilla è diventata un incendio,
E la scintilla è diventata un incendio,
E un mare la goccia.

L'amore che ci ha legati,
L'amore che ci ha legati,
Dolore non conoscerà.
Siamo due gocce,
Siamo due gocce
Della stessa fonte.

*
De xérō póso s' agapṓ,
De xérō póso s' agapṓ:
Métro den ékhë i̱ agápi̱,
Ë́n' ap' ton í̱lio pio psi̱lá,
Ë́n' ap' ton í̱lio pio psi̱lá,
Kä den ti̱ ftánë máti.

*Í̱tan mia spítha sti̱n arkhí̱,
Kä mias vrokhí̱s psikhála…
Ki égine i̱ spítha pyrkagiá,
Ki égine i̱ spítha pyrkagiá,
Kä pélagos i̱ stála.

I̱ agápi̱ poy mas édese,
I̱ agápi̱ poy mas édese,
Póno de tha gnōrísë.
Ë́maste dyo stalagmatiés,
Ë́maste dyo stalagmatiés
Apó ti̱n ídia drýsi̱.

*



Io non so quanto t’āmo,
Io non so quanto t’āmo:
L'amor non ha misura,
Esso sta in alto più del sol,
Esso sta in alto più del sol,
E l'occhio a lei non arriva.

*Come scintilla cominciò,
In un diluvio una goccia,
E or la scintilla è fuōco,
E or la scintilla è fuōco,
Ed un oceano è la goccia.

L'amore che legati ci ha,
L'amore che legati ci ha,
Non conoscerà dolore.
Di una fonte unica,
Di una fonte unica
Noi siāmo due gocce.

*

Tuesday, 3 March 2020

Dammi la tua bocca

La serie di greche prosegue oggi con Δώσε μου το στόμα σου | Dṓse moy to stóma soy, da cui il titolo del post. Tradotta tra le 13:55 e le 14:18 del 26/2/20. Vediamola!


Σαν χελιδονάκι στο μπαλκόνι μου
Γύρεψες την πρώτη σου φωλιά.
Γείρε να πλαγιάσεις στο σεντόνι μου
Να γεμίσ’ η κάμαρη πουλιά.
Να γεμίσ’ η κάμαρη πουλιά.

Τρέχει το νερό πάνω στο σώμα σου,
Τρέχω το κατόπι σου κι εγώ.
Δώσε μου, αγόρι μου, το στόμα σου
Στο βαθύ φιλί σου να πνιγώ.
Στο βαθύ φιλί σου να πνιγώ.

Η ζωή μου αρχίζει μες στα χέρια σου,
Ήμουνα αγέννητη ως τα χτες.
Πάρε με, αγόρι μου, στα χέρια σου,
Πάρε με και κάνε με ό,τι θες.
Πάρε με και κάνε με ό,τι θες.



Come rondinella sul mio balcone
Cercasti il tuo primo nido.
Chinati per giacere sul mio lenzuolo,
Perché si riempia la camera di uccelli.
Perché si riempia la camera di uccelli.

Corre l'acqua sul tuo corpo,
Corro dietro a te ovunque vai anch'io.
Dammi, mio caro, la tua bocca
Perché nel tuo profondo bacio io anneghi.
Perché nel tuo profondo bacio io anneghi.

La mia vita inizia tra le tue braccia,
Non ero nata fino a ieri.
Prendimi, mio caro, tra le tue braccia,
Prendimi e fa' di me quello che vuoi.
Prendimi e fa' di me quello che vuoi.
San khelidonáki sto mpalkóni moy
Gýrepses ti̱n prṓti̱ soy fōliá.
Gë́re na plagiásës sto sentóni moy
Na gemís' i̱ kámari̱ poyliá.
Na gemís' i̱ kámari̱ poyliá.

Trékhë to neró pánō sto sṓma soy,
Trékhō to katópi soy ki egṓ.
Dṓse moy, agóri moy, to stóma soy
Sto vathý filí soy na pnigṓ.
Sto vathý filí soy na pnigṓ.

I̱ zōí̱ moy arkhízë mes sta khéria soy,
Í̱moyna agénni̱ti̱ ōs ta khtes.
Páre me, agóri moy, sta khéria soy,
Páre me kä káne me ó,ti thes.
Páre me kä káne me ó,ti thes.



Come rondinella sul balcone mio
Venisti il primo nido a cercar.
Chinati ora e giaci sul lenzuolo mio,
Di uccelli piena sia la camera,
Di uccelli piena sia la camera.

L'acqua corre ora sopra il corpo a te,
Corro anch'io dovunque tu ten vai.
Dammi, caro mio, la bocca tua, e me
Tra profondi baci annegherai,
Tra profondi baci annegherai.

La mia vita inizia tra le braccia tue,
Io non ero nata fino a ier.
Prendimi, mio caro, tra le braccia tue,
Fammi tutto quel che puoi voler,
Fammi tutto quel che puoi voler.