Saturday, 1 February 2020

Polka di Eva

Oggi altra canzone finlandese, tradotta stavolta in italiano – almeno in parte, infatti ho solo una strofa mentre scrivo questa bozza, ed è l'11/1/20. La canzone è Ievan polkka, "Polka di Eva" (che non è un'imprecazione italiana detta da un cinese :) ), o forse dovrei dire di Ieva. La canzone è in un dialetto est-savoniano (o come cavolo si dice in italiano) molto marcato, ed è per questo che nel finlandese vedete glosse interlinea in finlandese standard, e che Ieva viene tradotto con Eva, visto che la forma standard è Eeva. La traduzione della prima strofa risale a intorno alle 2 dell'8/1/20, quindi un'ultim'ora. Non so quando finirò l'opera. Lascerò il mio tentativo semifallimentare di tradurla in inglese dove mi manca l'italiano. Ancora attendo commenti a questa risposta col mio tentativo. Dalla 4 alla 6 strofa sono suoni senza senso, seguo il video invece del testo trovato online. Strofa 2 riga 4, il video ha "vonku" il testo "vinku", il primo è "ululare" e il secondo "lamentarsi, piangere". Sono perfettamente consapevole dei problemi di allineamento ed interlinea, ma sono letteralmente impossibili da risolvere. Ho la netta sensazione che dicano täpput invece di täppyt, e che il määt sia un meät, ma va beh. Intorno alle 20 del 12/1 ho fatto la seconda, la notte seguente ho cambiato il «Trallalero tip tap tup tap tep tap / E tep tap tip tap lento lento» e fatto la prima mezza terza strofa (mezza di quel che rimane togliendo le ultime due righe ripetute) e le right 5-6 della settima, poi intorno a 0:30 del 14/1 ho chiuso la terza e cambiato «lento lento» in «piano piano» perché i verbi nella frase di quel «lento lento» cambiano soggetto e quindi dovrei cambiare il genere/numero di «lento lento» e invece voglio la ripetizione, anche se la coppia di consonanti in mezzo sta meglio col ritmo… «lentamente», che avevo messo in origine, si beccherebbe l'accento forte sulla prima sillaba e l'accento secondario sulla terza, mentre di solito è il contrario, quindi suonerebbe strano. Ah e dopo aver aggiornato la bozza, e a questo punto erano le 0:45 del 14/1, ho fatto le right 5-6 della nona strofa. E all'1:06 concludo la nona strofa. Tra le 16 e le 16:30 del 14/1 poi trasformo la prima strofa nonsenso in un nonsenso che sembra più italiano, poi ci caccio dentro le vocali del finlandese dove prima erano tutte a tranne il tiritiri – ah e "pam pa" e "tam ta" erano "pappà" e "tattà". Le altre strofe nonsenso le italianizzo solo ortograficamente, si accettano suggerimenti. Poi alle 22:36 cambio l'inizio della nona perché il soggetto non sia "tu" ma "lei" (cioè non la madre ma Eva), oltre a intera->intero visto che si parla del cantante che balla con Eva e quindi dev'essere uomo (coppie gay ai tempi di quella canzone proprio manco contemplate, altri tempi gente :) ). Nel cuore della notte tra il 21 e il 22/1/20, cambio «Non mi può mica intero ingoiare, / Se non mi morde di traverso andrò,» nella loro forma attuale come conseguenza della spiegazione ricevuta su Quora che sembra indicare che i verbi di quei versi siano passaivi da intendersi come impersonali. Cosa intenda ancora non l'ho capito. Dopo un paio di breakthrough, nel cuore della notte tra il 26 e il 27/1/20 comincio ad attaccare l'inizio della ottava strofa. Il 27 finalmente completo la traduzione, oltre ad infilare "strega" al posto di "vecchia" nella terza strofa. Alle 22:54, nell'aggiornare la bozza, cambio «Così nessun divieto ci ha disturbato / Nel nostro ballo da lato a lato» nella loro forma attuale. Alle 22:58 «Così nessuna strega» diventa «Nessuna vecchia strega», e non si intende letteralmente, si intende una vecchiaccia, tipo la madre di Eva (anzi, proprio lei). Alle 23:03 infine penso di eliminare "disturbare" e rimpiazzarlo con "turbare" ogni volta che appare, coniugato o meno. Quindi prime tre strofe ed ultime due. E mentre modifico, alle 23:06 cambio «Questo nostro ballo» in «Il nostro ballare» per ragioni musicali. Che sia la fine delle modifiche finali? Vediamo!



NuapuristaNaapurista kuulukuului(?) se polokanpolkan tahti
JalakaniJalkaini pohjiipohjia kutkutti
Ievan äiti se tyttöösätyttöänsä vahti
Vaan kyllähän Ieva sen jutkuttijuksasi,
Sillä ei meitä sillonsilloin kiellot haittaa
Kun myöme tanssimme laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen

Ievan suu oli vehnäsellä
KoKun immeiset onneeonnea toevottitoivotti
PeäPää oli märkänä jokaisella
Ja viulu se vinku/vonkuvinkui/vonkui(?) ja voevottivoivotti
Ei tätä poikoopoikaa märkyys haittaa
SillonSilloin kokun laskoo laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen

Ievan äiti se kammarissakamarissa
Virsiä veisata huijjuutti,
Kun tämä poika naapurissa
Ämmän tyttöä nuijjuutti
Eikä tätä poikoopoikaa ämmät haittaa
SillonSilloin kokun laskoo laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen

Hilipati hilipati hilipati hillaa,
Hilipati hilipati hilipampaa
Jalituli jallaa talituli jallaa
Tilitali tilitali tilitantaa
Hilipati hilla hilipati hillaa
Hilipati hilipati jalituli jallaa
Tilitali tallaa tulituli jallaa
Hilipati hilipati hilipampaa

Rimpatirillaa riparapirullaa
Rumpati rumpati ripirampuu
Japparinkaa rimpati raparan
Tsuppan dupirlan tillan duu
Jappastillaa dipudopu dullaa
Dumpari dupparlittan stullan
Dipidapi dullaa rimpati runkan
Ripitat stukkan tillan duu

Jatsatsaapa rilla stillapa
Deian dullan deion doo
Joba ribaraba deian sdullaba
Daba daba dubian sdillan doo
Ba dillas dillans deia ruu
Va daba daga daga daga daga duvja duu
Ba duu dubi dubi dubi deia duu
Va rava dillas dillan deia doo

Siellä oli lystiä soiton jäläkeenjälkeen
Sain minä kerran sytkyyttee
Kottiinkotiin kokun mäntiimentiin niniin ämmä se riiteljriiteli
Ja Ieva jo alakoalkoi nyyhkyytteeknyyhkyttää
Minä sanon Ievalle mitäpä se haittaa
LaskemmaLaskemme vielähi laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen

Muorille sanon jotta tukkeetukkea suusi
En ruppeerupea sun terveyttästerveyttäsi takkoomaatakaama(?)
Terveenä peäsetpääset ku korjootkorjaat luusi
Ja määtmenet siitä murjuusmurjuusi makkoomaamakaama(?)
Ei tätä poikoopoikaa hellyys haittaa
KoKun akkoja huhkii laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen

Sen minä sanon jotta purra pittää
Ei mua niin voanvaan nielastanielaista
SuatSaat männämennä ite vaikka lännestä ittäänitään
Vaan minä en luovu Ievasta,
Sillä ei tätä poikoopoikaa kainous haittaa
SillonSilloin kokun tanssii laiastalaidasta laitaalaitaan
Salivili hipput tupput täppyt
Äppyt tipput hilijalleenhiljalleen
Dal vicino un ritmo di polka si sente
Che i miei piedi sta a solleticar,
La madre di Eva alla sua bimba sta attenta
Ma Eva la è riuscita ad ingannar
Da nessun divieto è turbato
Il nostro ballare da lato a lato
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

Eva un sorriso aveva spalancato
Mentre gli auguri le facevano,
Tutti il capo avevano tutto bagnato,
E i violini squittivano/ululavano e gemevano
Ma il bagnato non mi ha turbato
Mentre scivolavamo da lato a lato
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

La madre in camera se ne stava
A cantare un canto, trullallà,
Mentre questo che di fianco abitava
Sbatteva la ragazza di qua e di là.
Nessuna vecchia strega mi ha turbato
Mentre scivolavamo da lato a lato
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

Lirilari lirilari lirilari lalla
Lirilari lirilari liri pam pa
Tarituri ta la trallitrulli lalla
Trillitralli trillitralli tiri tam ta
Lirilari lalla lirilari lalla
Lirilari lirilari tarituri ta la
Tiritari tralla turituri lalla
Lirilari lirilari liri pam pa

Rimpatirillaa riparapirullaa
Rumpati rumpati ripirampuu
Japparinkaa rippati raparan
Tsuppan dupirlan tillan duu
Jappastillaa dipudopu dullaa
Dumpari dupparlittan stullan
Dipidapi dullaa rimpati runkan
Ripitat stukkan tillan duu

Jatsatsaapa rilla stillapa
Deian dullan deion doo
Joba ribaraba deian sdullaba
Daba daba dubian sdillan doo
Ba dillas dillans deia ruu
Va daba daga daga daga daga duvja duu
Ba duu dubi dubi dubi deia duu
Va rava dillas dillan deia doo

Dopo la musica è venuto il bello
Una volta m’ha fatto fare ha-ha-ha.
Quando si va a casa, la strega s'incavola,
Ed Eva comincia allora a singhiozzar.
Dico ad Eva "Dimmi mò, che cosa ti ha turbato?
Ancor scivoleremo da lato a lato
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

Alla madre dico: «Dài un taglio ai tuoi ragli:
Non sarò responsabile del tuo ben star,
Starai bene se prendi armi e bagagli
E nella tua topaia ti vai a sdraiar.
Da nessun affetto sarò turbato
Se vecchie streghe vagano da lato a lato
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

Io mi faccio sempre masticare,
Non mi si può ingoiar così, eh no!
Tu puoï fare quello che ti pare,
Ma Eva io no non la lascerò,
La timidezza non mi può turbare
Mentre da lato a lato sto a ballare
Trallallero tip tap tap pim pam tip
E tap pim pam tap piano piano

No comments:

Post a comment