Tuesday, 4 July 2017

Vinni la primmavera

Oggi raddoppiamo. Dopo la poesia Cinese, vi porto una canzone siciliana, collegata perché parla di primavera e di uccelli (parlo de l'aceddi, non de peni nella strofa dopo) anche questa. Per quanto riguarda come ho costruito il testo che poi ho tradotto, ve lo racconto dopo. Adesso vi metto il testo con traduzione non cantabile in Italiano di fianco, e poi la versione cantabile Cinese, e una versione cantabile in Greco Antico trovata su internet. Oltre al Wikizionario Siciliano, i miei vocabolari di riferimento sono quelli di salviamoilsiciliano.com e di terralab. Per quanto riguarda l'ortografia, seguo le mie personali convenzioni.


Originale con traduzione a fianco
Si maritau Řosa

VinniVenne la primavera,
Li mènnulimandorli su'sono 'n çiuriin fiore,
Lu fòcu di l'ammuri
Lu cori m'ađđumòm'accese.
L'açeđđiGli uccelli s'assicùtunusi rincorrono
FaçènnuFacendo ḍiscurseđđidiscorselli:
Ah quanti cosi beđđibelle
Ca mi fannu sunnàsognare.

Si maritausposò Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E io, ca sugnusono beđđabella,
Mi vogghiuvoglio maritàsposare!

Oh quanti e quanti giùvinigiovani
Pàssunu piper 'sta střatastrada,
NuđđuNessuno di 'na taliataguardata
Digna la casa mè.
Oh Diu, tra pènipene e llacrimi
Si sfaṛdaconsuma la mè vita:
Mi vogghiuvoglio fari zitafidanzare,
Mi vogghiuvoglio maritàsposare.

Si maritausposò Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E io, ca sugnusono beđđabella,
Mi vogghiuvoglio maritàsposare!

SiđđuSe nutturnanotturna pòrtunuportano
Nta luNel quartèri miu,
M'affacciaMi spunta 'nuun disiudesiderio,
Nun pozzuposso cchiùpiù durmìdormire.
AlleggiuPiano alleggiupiano apru
'ALa porta a vvaniđđuzzaa fessurina  ,
Viḍu ca è p'per Annuzza
E ttornu a llacrimàpiangere.

Si maritausposò Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E io, ca sugnusono beđđabella,
Mi vogghiuvoglio maritàsposare!

Si maritausposò Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E io, ca sugnusono beđđabella,
Mi vogghiuvoglio maritàsposare!
S'è sposata Rosa

È venuta la primavera,
I mandorli sono in fiore,
Il fuoco dell'amore
Il cuore mi ha acceso.
Gli uccelli si rincorrono
Facendo discorsetti:
Ah quante cose belle
Che mi fanno sognare.

S'è sposata Rosa,
Saridda e Pippinedda,
E io, che sono bella,
Mi voglio sposare!

Oh quanti e quanti giovani
Passano per questa strada,
Nessuno di una guardata
Degna la casa mia.
Oh Dio, tra pene e lacrime
Si consuma la mia vita:
Mi voglio fidanzare,
Mi voglio sposare.

S'è sposata Rosa,
Saridda e Pippinedda,
E io, che sono bella,
Mi voglio sposare!

Se [una serenata] notturna portano
Nel mio quartiere,
Mi nasce un desiderio,
Non posso più dormire.
Pianin pianino socchiudo
La porta, facendo una piccola fessura [da cui
Vedo che è per Annuzza          [guardar fuori],
E torno a lacrimare.

S'è sposata Rosa,
Saridda e Pippinedda,
E io, che sono bella,
Mi voglio sposare!

S'è sposata Rosa,
Saridda e Pippinedda,
E io, che sono bella,
Mi voglio sposare!


Traduzione Cinese
小红已结婚

春天已经有来啊,
杏树已经有开花,
爱情的大热火啊
有点亮我的心.
小鸟都正在说话,
把相互的话追逐:
它们都让我梦到
的事情太多啦.

小婷婷而小桂林
而小红都已结婚,
而我,因很漂亮啊,
也想要结婚啦!

有很多年轻男人
都走在这条路上,
但没有一个人来
看一看我的家.
天啊,在悲苦和眼泪
我的生活来殲去:
我想要找到男友,
也想要结婚啊.

小婷婷而小桂林
而小红都已结婚,
而我,因很漂亮啊,
也想要结婚啦!

如果在我住宅区
有人来唱小夜曲,
心里长大了愿望
就不再能睡觉.
悄悄地将我的门
来打开得裂缝啊,
看是为了小婷婷
就回到流眼泪.

小婷婷而小桂林
而小红都已结婚,
而我,因很漂亮啊,
也想要结婚啦!

小婷婷而小桂林
而小红都已结婚,
而我,因很漂亮啊,
也想要结婚啦!
Xiǎo Hóng yǐ jiéhūn

Chūntiān yǐjīng yǒu lái a,
Xìngshù yǐjīng yǒu kāihuā,
Àiqíng de dà rèhuǒ a
Yǒu diǎnliàng wǒ de xīn.
Xiǎoniǎo dōu zhèngzài shuōhuà,
Bǎ xiānghù de huà zhuīzhú:
Tāmen dōu ràng wǒ mèng dào
De shìqíng tài duō la.

Xiǎo Tíngtíng ér xiǎo Guìlín
Ér xiǎo Hóng dōu yǐ jiéhūn,
Ér wǒ, yīn hěn piàoliang a,
Yě xiǎngyào jiéhūn la!

Yǒu hěn duō de niánqīngrén
Dōu zŏu zài zhè tiáo lù shàng,
Dàn méiyǒu yī ge rén lái
Kàn yī kàn wǒ de jiā.
Tiān a, zài bēikǔ hé yǎnlèi
Wǒ de shēnghuó lái jiān qù:
Wǒ xiǎngyào zhǎodào nányǒu,
Yě xiǎngyào jiéhūn la!

Xiǎo Tíngtíng ér xiǎo Guìlín
Ér xiǎo Hóng dōu yǐ jiéhūn,
Ér wǒ, yīn hěn piàoliang a,
Yě xiǎngyào jiéhūn la!

Rúguǒ zài wǒ zhùzháiqū
Yǒu rén lái chàng xiǎoyèqǔ,
Xīn lǐ zhǎngdàle yuànwàng
Jiù bù zài néng shuìjiào.
Qiāoqiāo de jiāng wǒ de mén
Lái dǎkāi de lièfèng a,
Kàn shì wèile xiǎo Tíngtíng
Jiù huí dào liú yǎnlèi.

Xiǎo Tíngtíng ér xiǎo Guìlín
Ér xiǎo Hóng dōu yǐ jiéhūn,
Er wǒ, yīn hěn piàoliang a,
Yě xiǎngyào jiéhūn la!

Xiǎo Tíngtíng ér xiǎo Guìlín
Ér xiǎo Hóng dōu yǐ jiéhūn,
Ér wǒ, yīn hěn piàoliang a,
Yě xiǎngyào jiéhūn la!
Greco antico dal link dato sopra
Si maritau Rosa

Vinni la primmavera,
Li mènnuli su' 'n çiuri,
Lu focu di l'ammuri
Lu cori m'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtunu
Façennu ḍiscurseđđi:
Ah quanti cosi beđđi
Ca mi fannu 'nsunnà.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità!

Oh quanti e quanti giùvini
Pàssunu pi 'sta střata,
Nuđđu di 'na taliata
Digna la casa mè.
Oh Diu, tra pèni e llacrimi
Si sfaṛda la mè vita:
Mi vogghiu fari zita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità!

Siđđu nutturna pòrtunu
Nta lu quartèri miu,
M'affaccia 'nu disiu,
Nun pozzu cchiù durmì.
Alleggiu alleggiu apru
'A porta a vvaniđđuzza,
Viḍu ca è p' Annuzza
E ttornu a llacrimà.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità!

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità!
Ῥοδὼ πάλαι γεγάμηκε

Εἴαρος ἦλθεν ὥρα,
Ἀμυγδάλη τέθηλε,
Πῦρ ἐρατεινὸν ἐμοὶ
Ὑπέκαυσε τὸ κῆρ.
Ψιθυρίζοντες ὄρνεις
Διώκουσιν ἀλλήλους·
Φεῦ τῶν καλῶν, ἅ δή με
Ὄναρ ἰδεῖν ποιεῖ.

Ῥοδὼ πάλαι γεγάμηκε,
Σαρῖνα, Πιππινοῦσσα,
Ἐγὼ δ', ὠραία γ' οὖσα,
Ἐπιθυμῶ γάμων!

Ὤ, πόσοι τήνδ' ἀγυιὰν
Νεανίαι παρέρχονται,
Οὐδέ τις οὐδὲ βλέψαι
Δῶμ' ἐμὸν ἀξιοῖ.
Ὦ Ζεῦ, πόνων μετ' αἰὼν
Καὶ δακρύων φθίνει μοι·
Ἐπιθυμῶ 'γγυᾶσθαι,
Ἐπιθυμῶ γάμων.

Ῥοδὼ πάλαι γεγάμηκε,
Σαρῖνα, Πιππινοῦσσα,
Ἐγὼ δ', ὠραία γ' οὖσα,
Ἐπιθυμῶ γάμων!

Κῶμον ὅταν ἄγωσιν
Ἐν γείτοσίν μου νύχιον,
Πόθος προσίσταταί μοι,
Οὔδ' ἔθ' εὕδειν μ' ἐᾷ.
Ἥσυχ' ἤσυχ' ἀνοίγω
Μικρὸν ἐμὴν τὴν θύραν,
Ὄντα δ' ὁρῶ ἐπ' Ἀννίσκῃ
Καὶ δακρύω πάλιν.

Ῥοδὼ πάλαι γεγάμηκε,
Σαρῖνα, Πιππινοῦσσα,
Ἐγὼ δ', ὠραία γ' οὖσα,
Ἐπιθυμῶ γάμων!

Ῥοδὼ πάλαι γεγάμηκε,
Σαρῖνα, Πιππινοῦσσα,
Ἐγὼ δ', ὠραία γ' οὖσα,
Ἐπιθυμῶ γάμων!
Due problemi: nutturna e vaniđđuzza
Cominciamo da "nutturna".
  • Originariamente avevo "Quannu a nutturna", che leggevo come "Quando la notturna", e speculavo che "la notturna" fosse qualche serenata.
  • Poi ho sentito un amico siciliano, il quale mi ha detto che "a nutturna" vuol dire "di notte" (e questo risuona con le versioni che leggono "li notti" invece di "a nutturna", come questa, dove si legge "siddu li notti passanu" come tentativo di rendere comprensibile il passo), e quindi mi restava un complemento oggetto sottinteso che pensavo di interpretare come "serenata". La traduzione greca avrebbe dovuto attirare la mia attenzione su "κῶμον", che in realtà vuol dire "processione" o "festa religiosa", e probabilmente discende da "n'atturna" o comunque dal leggere in questo punto un riferimento a "a nutturna" / "l'atturna", di cui sotto. Invece lo interpretai come la mitica "serenata", forse perché il Wikizionario inglese mi dava anche il senso di "canzone cantata ad un evento simile". E per un po' lasciai lì la questione.
  • Poi ripresi la ricerca, e visto che altre versioni qui hanno "n'atturna" in luogo di "a nutturna", cercai "atturna" su Google, capitando qui e scoprendo che atturna e nutturna sono ambedue termini che possono essere usati per indicare la processione notturna della banda per le vie di Ortigia alle tre di notte nella festa dell'Immacolata di Siracusa. Dunque qua vi era probabilmente un riferimento a tale processione, in senso figurato, e dunque la mitica serenata assumeva ad un tratto caratteri più movimentati della mia immagine stile Don Giovanni "Deh vieni alla finestra", con una banda invece di un mandolino solitario per l'accompagnamento, e in più una banda in moto.
  • Ma non è finita qua. Infatti da ultimo il 25/8 trovai prima questa pagina, dove lessi la frase «detto mattutina, che così si distingue dalla notturna, la serenata serale», che suggeriva che "nutturna" fosse appunto una serenata notturna o serale, e poi questo testo, dove trovo "nutturna" senza "a". In questo modo posso sottintendere l'articolo indeterminativo e tornare alla mia interpretazione originaria, insomma tanto rumore per nulla :).
  • Non proprio, in realtà: adesso posso speculare su tutte queste versioni. La mia ipotesi è che la versione originale fosse proprio "Siddu nutturna portunu" (o "Quannu", tanto quello è irrilevante), poi però la canzone si diffuse, la gente cominciò ad orecchiarla, venne storpiata perché ci si vedeva il riferimento alla festa dell'immacolata, e così si formarono le versioni "n'atturna" e "a nutturna", e infine qualcuno storpiò ulteriormente "a nutturna" in "li notti", poiché appunto "di notte" significa, o può significare, "a nutturna", presumibilmente come forma breve di "ad ora nutturna".
  • Ovviamente il tutto è speculazione, e finché non risponde chi ne sa di più non posso fare altro. Ho già chiesto su Italian Stack Exchange (domanda chiusa come fuori tema perché tali son ivi considerati i dialetti italiani e ora anche cancellata), su Linguistics Stack Exchange (anche lì chiusa perché sembra che chieda di tradurre la canzone; ho riformulato, e ho chiesto un parere sul meta; vabbè, l'han cancellata pure lei), e su Quora, e anche sul Quora italiano, dove ora vado a postare le conclusioni di Jack Mason (cfr. sotto).
  • L'ultima ipotesi che rimane è che "a nutturna" sia corretto ed effettivamente significhi "di notte", e "pòrtunu" abbia un senso idiomatico che lo avvicini al "passanu" della versione "siddu li notti passunu", anche se è una lettura debole perché per qual motivo dovrebbe incuriosirsi solo perché sente gente passare nel suo quartiere di notte? Bisognerebbe cercare qualche strano senso idiomatico anche per "passanu", e quindi da un problema ne tiriam fuori due.
  • Un amico siciliano, che chiameremo "Jack Mason", ha chiesto in giro dalle sue parti, e mi riferisce che "nutturna" è «la serenata sotto la finestra»; questo dunque sostiene le mie ipotesi di sopra, che riterrò corrette a meno che su Quora non mi si offra una spiegazione alternativa.

Veniamo ora a "vaniđđuzza".
  • Originariamente, avevo interpretato "a vvaniđđuzza" come "â" (contrazione di "a" (a) e "a" (la)), quindi "alla", o "sulla", e "vaniđđuzza", diminutivo di "vaneđđa", dato come "stradina di campagna" da ambedue i miei vocabolari di riferimento. Quindi avevo tradotto "la porta sulla stradina di campagna", e in Cinese le due righe di quando apre la porta suonavano "我就悄悄来打开 / 小路上的那扇门,", ossia "Wǒ jiù qiāoqiāo lái dǎkāi / Xiǎolù shàng de nà shān mén".
  • Questo era consistente con la traduzione Greca, dove si leggeva ἐπὶ τῇ λαύρᾳ, "sulla stada". E dunque avevo lasciato la questione, nonostante la preposizione "a" in quella frase paresse un po' strana in Italiano.
  • Poi però ho trovato "a vanedda" tradotto come "a fessura" sul Wikizionario Siciliano. Dunque abbiamo una nuova interpretazione, che è quella che ho adottato sopra e quella che produce la mia modifica della traduzione greca sopra e la traduzione cinese riportata sopra.
  • Ho preferito questa lettura perché:

    1. C'è la questione della preposizione menzionata sopra.
    2. Preferisco la furtività dell'aprire a fessura che la (a mio parere) inutile specificazione che la porta dà su una stradina di campagna o un vicolo.
    3. Un'altra versione della canzone legge "Tegnu la porta aperta / la mettu a padiduzza / e iu ca su nicuzza / mi mettu a lacrimà", dove "padiduzza" appare come una storpiatura di "vaniđđuzza" ed ha evidentemente il senso dell'interpretazione da me preferita.

  • Ho comunque chiesto conferme su Linguistics Stack Exchange, su Italian Stack Exchange (chiusa, è la stessa domanda di prima), e su Quora, dove chiedo specificamente di "padiduzza".
  • All'improvviso compare una traduzione della versione "padiduzza" con "la metto a padella". Dunque si scopre che "padiduzza" dev'esser "padidduzza", diminutivo di "padedda". Ma che vuol dire "la metto a padella" (la porta)? Chiedo su Stack Exchange sia sulla porta a padella che su "capo d'amore".
  • Compare questo utente con un nome vagamente nipponico, e mi dice che "capu d'amuri" vuol dire "all'inizio della vita amorosa" ("capu" = "all'inizio"), e mi conferma il senso di "a fessurina" per "a vaniđđuzza", citando un dizionario Google Books che riporta questo senso.
  • In conclusione, la frase resta probabilmente ambigua, però dato che il senso "a fessurina" non è solo una mia invenzione ma esiste davvero, direi che, a meno di altre notizie, concludiamo che quello è il senso inteso, e che "padiđđuzza" è una storpiatura di "vaniđđuzza", dato che il dizionario non riporta "a padeđđa" né "a padiđđuzza" per porte, mentre di "a vanidduzza" dica «detto di uscio, o finestra, non chiuso del tutto, semiaperto».
  • Il senso sopra detto di "a vaniđđuzza" è confermato sia dalle ricerche di Jack Mason sia dalle risposte sul Quora italiano, dove peraltro viene esclusa l'interpretazione da cui par discendere la traduzione greca, ossia di "â vaniđđuzza" come "sulla stradina".
  • Quanto a "a padiduzza", pare sia una forma calabrese, diminutivo del Calabrese "padeda" che in Siciliano suona "padeđđa", dunque estranea alla canzone; restano le seguenti ipotesi:
    1. Si tratta di una pura e semplice corruzione di vaniđđuzza, e la variante con padiduzza così com'è non ha alcun senso né in Siciliano né in Calabrese;
    2. La canzone fu esportata in Calabria dove venne storpiata in questa maniera per assonanza con un'espressione locale, vuoi con lo stesso significato, vuoi con un altro; questo è quanto indago in questa domanda sul Quora italiano, ove l'unica risposta riconduce l'espressione a vaniđđuzza;
    3. Si tratta di un errore di stampa o di un'imprecisione ortografica, e l'espressione con padiđđuzza esiste da qualche parte in Sicilia; ho chiesto a Jack Mason di chiedere in giro, quando ha tempo; verrò aggiornato [mi pare che mi abbia aggiornato concludendo che non esiste "a padedda" o nulla di simile]; inoltre ho chiesto su Quora italiano, ove le due risposte concordano nel supporre un errore di trascrizione;
    Sfortunatamente dei tre posti (1, 2 e 3) che riportano il testo con padiduzza su cui ho chiesto spiegazioni non ho ricevuto risposta in nessuno; peraltro il primo posto riporta una traduzione "la metto a padella", che per me non ha alcun senso, e di cui ho chiesto su Quora italiano, con scarsi risultati; in definitiva, tutto punta all'errore di trascrizione in modo potente.


Nota "critica"

E che è, una poesia di Saffo? Direte voi. Beh no, però se googlate (o anche solo la cercate sulla Wikipedia Siciliana) vedrete che ci son più versioni di questa che di una poesia di Saffo. La stessa traduzione greca ha tutta un'altra strofa tradotta. Dunque, facciamo un po' di punti.
  • L'esatto spelling e la scelta di accenti e apostrofi è un po' come mi pare, quindi non sto a dettagliare su quello.
  • Le strofe che riporto sono quelle che ci sono sul libro dei canti della vacanzina del CLU Bicocca&al. del 2016 (scorsa estate). Sulle strofe extra tornerò più giù in una sezione che aggiungerò tra un po'.
  • Già sul terzo verso della prima strofa il libro riporta «A mia 'n focu d'amuri», ricordo di aver visto da qualche parte anche «A me 'n focu d'amuri», versioni che ho scartato per ragioni "metriche": la melodia prevede, per così dire, un tribraco e due trochei per quel verso, laddove «a mia 'n focu d'amuri» vede "mia" con dittongo e, se non bastasse, pure lunga per posizione grazie a "'n", quindi quella versione avrebbe un giambo, un tribraco, e un trocheo, che va contro la melodia. La mia versione quasi risolve, nel senso che comunque l'accento della melodia cade sull'articolo che è un po' forzato, ma certo meglio che accentuare "a" e poi comprimere "mia 'n" in una breve.
  • In giro su Internet si trova, alla seconda strofa, anche «E 'mmiezz' ô suli ê çiuri / Abbòlunu l'açeđđi» (E in mezzo a sole e fiori volano gli uccelli). Io ho seguito il famoso libro dei canti.
  • Una versione cambia completamente la seconda metà di quella strofa, leggendo «Maria chi sunnu beđđi, / Si vonnu marità» (Maria quanto sono belli! Si vogliono sposare), ma io aderisco al mitico libro. La stessa versione legge «L'aciddi s'assicutano», ma "avicella" a quanto ne so aveva una "e" breve, quindi aperta, e quindi l'evoluzione come "i" sarebbe strana, e per "assicutano" la -o finale è certo errata in quanto non Siciliana, e pure la -a- pare estranea al dialetto in quanto le terze persone plurali del presente indicativo finiscono sempre in -unu (cfr. "pòrtunu" alla terza strofa).
  • Un'altra versione ancora chiude la strofa con «Tutti 'sti cosi beđđi / Mi fannu suspirà» (Tutte queste cose belle mi fanno sospirare), e acora io seguo il libro.
  • Alla fine della seconda strofa si registra un'oscillazione tra «sunnà» e «'nsunnà», presumibilmente esattamente uguali nel significato. Ho scelto di non forzare un cluster consonantico a seguito di una vocale che la musica fa allungare su due note.
  • Sul ritornello (e sulla strofa dopo) si trova la variante in seconda persona, «E tu, ca si' 'a cchiù bbella, / Ti vòli marità!», e varie versioni alternative in prima persona. Roberto Alagna poi reinterpreta la canzone al maschile (cfr. il testo della sua versione sulla Wikipedia Siciliana, ma anche sotto, quando lo metterò), leggendo «E tu, ca si' a chiù beđđa, / Ti vogghiu marità». Io seguo (indovinate un po') il mitico libro.
  • La mia seconda strofa viene di solito riportata come terza, dopo la mia terza, ma io ho preferito lasciare l'ultima che ho tradotto (quella problematica, come s'è visto) in fondo. Infatti le prime due le ho tradotte tra 22/6 e 23/6 2017, mentre la terza solo il 2/7/17. Anzi, a dire la verità posso, se non erro, spacciare questa scelta come "segiure il libro dei canti".
  • Al posto di "passunu" di solito si trova "passanu", ma la forma siciliana pura dovrebbe essere "passunu", come "pòrtunu", mentre "passanu" pare una contaminazione coll'Italiano, almeno a me.
  • Al posto di «taliata» si trova anche «vardata», ma al posto di quel passaggio intero si trova «Nuddu cu 'na vasata / Lu cori m'alligrà» (o meglio "m'hâ 'lligrà", "m'ha a rallegrare" – ad es. qua). E ancora ho seguito il libro, anche perché "taliata" è forma siciliana DOC mentre "vardata" potrebbe essere un prestito da qualche altro dialetto.
  • "Si sfaṛda" è il risultato di salviamoilsiciliano, che riporta "sfardari" come "consumare", presumibilmente una forma rotacizata di "sfaldare". Il libro legge "si sfađđa" (presumibilmente da "si sfalla"), altrove si trova "ṙistřugghiu" (distruggo), o alla seconda persona "ṙistřuggi la tò vita", e poi c'è anche un'altra versione "si […]" che non ricordo più, forse "si sciuti" o "si çiuti", ma forse una mia storpiatura di "ṙistřuggi" da un'epoca in cui non sapevo che "stř" si legge quasi come una "sc" e lo leggevo come "s"+"c", e infine abbiamo questa versione, con "distřandu", che non so che voglia dire. Stando al Quora italiano, sono tutte forme più o meno corrette, e in particolare sia "sfaṛda" che "sfađđa" sono usate in Catanese.
  • Per la terza strofa, "nutturna" e "vanidduzza" sono state discusse in cima.
  • Rimane "m'affaccia", che ho seguito in quanto salviamoilsiciliano mi dà "affacciari" come "affacciarsi" o "spuntare", ma si trova anche "m'accresci".
  • Rimane poi anche "siddu", che è una mia scelta, contraria alla traduzione greca che ha "quannu". Il libro legge «Quannu 'n'atturna pòrtunu / nta lu quarteri miu, / m'affaccia 'nu disìu». "Siddu" (se) si trova tipo in un'unica versione nei primi 16+ risultati Google (questo presumo se cercate "si maritau rosa", se invece cercate "si maritau rosa    siddu li notti" compare più volte in più versioni), ed è con "li notti", quindi la mia versione è un mix di due, "siddu" perché un "se" mi piaceva più di un "quando" qua, anche se entrambi stanno bene, e "nutturna" perché vedi sopra.



Varie altre versioni

Voglio raccogliere qui un po' di testi alternativi con link a siti dove si possono trovare o video in cui si possono ascoltare. L'ortografia sarà adattata alle mie convenzioni. Per risparmiare spazio uso un'impostazione a doppia colonna. Le versioni sono affiancate in modo totalmente casuale.


Versione di Roberto Alagna
(video)

Vinni la primavera
Li mènnuli sù 'n çiuri
A mia 'n focu d'amuri
Nnô cori m'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtunu
Facennu ṙiscurseđđi
Di canti cosi beđđi
Ca mi fannu 'nsunnà!

Si maritau Rosa
Sariđđa e Pippineđđa
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti vogghiu marità.

Quantu biddizzi giuvani
Ca pàssanu sta střata,
E tu cu 'na vađđata
Abbruçi stu cori ccà.
Oh Diu, třa pen'e lacrimi
Si sfascia la mè vita
Ti vogghiu fari zita
Ti vogghiu marità.

Si maritau Rosa
Sariđđa e Pippineđđa
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti vogghiu marità.
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti vogghiu maritari.



Una versione trovata su Youtube
(video, altro video)

Vinni la primavera,
Li mènnuli sù 'n ciuri,
Lu focu di ll'amuri
Lu cori m'ađđumò.
E ammezz' u suli ê cciuri
Abbòlunu l'açeddi,
Tutti 'sti cosi bbeđđi
Mi fanu suspirà.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iù ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
Pi [mmia / ttia] ca [sugnu / si' chiù] bbedda
Mariti non ci nnè.

Tanti picciotti bbeđđi
Pàssunu di 'sta střata,
Ma nuđđu 'na vardata
Alla mè casa dà.
Certu 'stu ddesideriu
Distřuggi lla mè vita,
Mi vogghiu fari zzita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iù ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
Pi [mmia / ttia] ca [sugnu / si' chiù] bbedda
Mariti non ci nnè.

La ṙota ll'aiu fatta,
La casa ll`aiu magari,
Schetta nun vogghiu stari,
Rannuzza sugnu ggià.
La culpa è di mè matři,
Mi tèn'arritirata,
Ma ora la iurnata
Vaju di ccà e di đđà.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iù ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa
Pi [mmia / ttia] ca [sugnu / si' chiù] bbedda
Mariti non ci nnè.



Versione "li notti"
(link a un sito dove si trova)

Vinni la primavera
Li mènnuli sù 'n çiuri
A mia focu d'amuri
Lu cori m'ađđumò
L'açeđđi s'assicùtanu
Façennu discurseđđi
Di quantu cosi beđđi
Ca mi fannu sunnà

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu bedda
Mi vogghiu marità
Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippinieđđa
E iđđa che è tanta bedda
Si voli marità

Siđđu li notti pàssanu
Nta lu quartieri miu
M'accrisci lu disiu
E 'un pozzu chiù durmì
Alleggiu allegiu grapu
La porta a vaniđđuzza
Viu ca su' nicuzza
E restu a lacrimà

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu bedda
Mi vogghiu marità
Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippinieđđa
E iđđa che è tanta bedda
Si voli marità

Di quanti beđđi giòvini
Pàssanu pi 'sta střata
Nuđđu cu' na vasata
Lu cori m'hâ alligrà.
E iò tra peni e lacrimi
Distřandu la mè vita:
Mi vogghiu fari zita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu bedda
Mi vogghiu marità
Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippinieđđa
E iđđa che è tanta bedda
Si voli marità



Versione con musica diversa
(video)

Vinni la primavera,
Li mànnuli sù 'n ciuri,
Lu focu di l'amuri
Lu cori m'ađđumò.
E mmezz' u suli ê çiuri
Abbànnulu l'açeddi,
Tutti 'sti cosi bbeđđi
Mi fannu suspirà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu bella
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.

Tanti picciotti bbeđđi
Pàssannu di 'sta strata,
Ma nuđđa 'na vardata
Enna mi' casa dà.
Çertu 'stu desideriu
Distruggi la mè vita,
Mi vogghiu fari zita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu beđđa
Mi vogghiu mmarità.

La doti l'aiu fatta,
La casa l`ai'e mmacari,
Schetta nun vogghiu stari,
Ranuzza sugnu ggià.
La curpa è di mè matři,
Mi tienn'arritirata,
Ma ora la iurnata
Vaju di ccà e di đđà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sogno beđđa
Mi vogghiu marità.
Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa
E iò ca sugnu beđđa
Mi vogghiu marità.



Versione di Youtube numero ventordici
(video)

Vèni la primmavera,
Li mènnuli su' 'n çiuri,
A tia 'n focu d'ammuri
Lu cori t'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtanu
Facennu discusseđđi:
Ah uantu cosi beđđi
Ti fannu suspirà.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti voï marità!
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti voï marità!

Ah quantu bbeđđi giùvani
Ca pàssunu p'a střata,
Sulu p' una uardata
Alla tò casa ccà.
Certu stu desiderio
Distřuggi la tò vita:
Ti voï fari zita,
Ti voï marità.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E tu, ca si a chiù beđđa,
Ti voï marità!
La la la la la la la la
La la la la la la la la
La la la la la la la la la
La la la la la la la.



Versione di Carlo Muratore
(link coi testi del suo disco "Sicily")

Vinni la primavera
Li mènnuli sù 'n çiuri
A mia 'n focu d'amuri
Lu cori m'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtunu
Faȩennu discurseđđi
Ah quantu cosi beđđi
Ca mi fannu sunnà!

Si maritau Řosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiù marità.

Siđđu nutturna pòrtunu
Ntřa lu quartieri miu
M'accrisci lu disìu
Nun mi fa chiù durmì.
Alleggiu alleggiu rapu
La porta a vaniđđuzza
Viṙu ca su' nicuzza
E restu a lacrimà!

Si maritau Řosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiù marità.

Di quantu beđđi giùvini
Ca tèssunu la střata,
Nuđđu di 'na taliata
Digna la casa mia.
E iù fra peni e làcrimi
Ḍistřuggiu la mè vita
Mi vogghiu fari zita
Mi vogghiu marità.

Si maritau Řosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiù marità.




Vinni la primavera
Li mènnuli sù 'n çiuri
Ed iu, capu d'amuri,
Lu cori m'avvampò.
L'açeđđi s'assicùtuno,
Facennu discurseđđi
Maria chi sunnu beđđi,
Si vonnu marità.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Tegnu la porta aperta,
La mettu a padiđđuzza,
E iù, ca su' nicuzza,
Mi mettu a lacrimà.
Ormai tra peni e lacrimi
Třascurri la mi' vita,
Mi vogghiu fari zita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Ora chi persi tutti
Tutti quanti li spiranzi
Mi chiuu nna stu cunventu,
E nun ci pensu chiù.
Chista è la storia třisti
Di na bellezza rara
Chi nun truvàn maritu
Ebbi la vita amara.

Si maritau Řosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.


Un'altra versione su Youtube
(video)

Vèni la primavera
Li mènnuli sù 'n ciuri
Beđđu vò ffa' l'amuri
Sulu cun mia l'hâ ffà.

Si mmaritau Rrosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità.
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità.

Tutti li siri passu
Di sutt'a lla tua finestřa,
Vidu ca nun t'affacci,
Mi mettu a lacrimà.

Si mmaritau Rrosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità.
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità.

L'açeđđi s'assicùtanu
Façennu discusseđđi,
I quanti cosi bbeđđi
Si vonnu raccuntà.

Si mmaritau Rrosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità.
Si mmaritau Rrosa
Sariđđa e Pippineđđa
E iò, ca sugnu bbeđđa,
Mi vogghiu marità, mmarità.



















Versione "taroccata"
(ascoltate il video e capirete :) )

Vinni la primmavera, (ripetuto a rap)
Li mènnuli su' 'n çiuri,
Lu focu di l'ammuri (yeah)
Lu cori m'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtano (ripetuto a rap)
Façennu discurseđđi:
Oh quantu cosi beđđi (yeah)
Ca mi fannu sunnà.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E idda, ch'è ttantu bbeđđa,
Si voli marità!

Yeah.

(RAP) Vinni la primmavera,
Li mènnuli sù 'n çiuri,
O quantu cosi bbeđđi
Ca la fannu sunnà.
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
Iđđà, ch'è ttantu bbeđđa,
Si voli marità! (FINE RAP)

I quantu beđđi ggiùvani (ripetuto a rap)
Ca pàssanu 'sta střata,
Nuđđu (Nuuđđu) di 'na guardata (yeah)
Digna la casa mè.
E iù tra pèni e llacrimi (ripetuto a rap)
Distřuggiu la mè vita:
Mi vogghiu fari zita, (yeah)
Mi vogghiu marità.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E idda, ch'è ttantu bbeđđa,
Si voli marità!

Yeeah.

Rapi la finestřa,
Talìa pi tterra e mari,
Lu veru amuri tò
Ancora hav'a 'rrivari
Tu si' tantu bedda
'Un te disperari
Che la speranza è
Sempre l'ultima a muriri.

Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E idda, ch'è ttantu beđđa,
Si voli marità!
Si maritau Rrosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E idda, ch'è ttantu bbeđđa,
Si voli marità!

Rapi la finestřa,
Talìa pi tterra e mari,
Lu veru amuri tò
Ancora hav'a 'rrivari
Tu si' tantu bedda
'Un te disperari
Che la speranza è
Sempre l'ultima a muriri.

Rapi la finestřa,
Talìa pi tterra e mari,
Lu veru amuri tò
Ancora hav'a 'rrivari
Tu si' tantu bedda
'Un te disperari
Che la speranza è
Sempre l'ultima a muriri.



















Una registrazione soprano power che è quasi quella di Muratore come testo. Versione che mischia terza e seconda strofa.

Per chiudere in bellezza, combino un po' tutte le versioni sopra per produrre una versione mia, di cui propongo anche una traduzione italiana, fatta in parte (strofe 1-2-3-4-5 e ritornello) la notte tra il 14 e il 15/9/17, e in parte (il resto) nell'aggiornare il post il 15 per inserire i risultati delle ricerche di Jack Mason, il post Quora su "sfadda", e questa versione. Perché «Ecco la primavera», non lo so, e in effetti è meglio cambiare, penso il 24/6/19 alle 16:22 facendo il checkup.
Vinni la primavera,
Li mènnuli sù 'n çiuri,
Lu focu di l'amuri
Lu cori m'ađđumò.
L'açeđđi s'assicùtunu
Façennu discurseđđi,
Ah quanti cosi beđđi
Ca mi fannu sunnà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Oh quanti e quanti giùvini
Pàssunu pi 'sta střata,
Nuđđu di 'na taliata
Digna la casa mè.
Oh Diu, třa pèni e lecrimi
Si sfađđa la mè vita,
Mi vogghiu fari zita,
Mi vogghiu marità.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Siđđu nutturna pòrtunu
Ntřa lu quartieri miu,
M'affaccia 'nu disìu,
Nun pozzu cchiù durmì.
Alleggiu alleggiu apru
A porta a vaniđđuzza,
Vidu ca è p'Annuzza
E tornu a llacrimà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

La dota l'aiu fatta,
La casa l'aiu macari,
Schetta nun vogghiu stari,
Rannuzza sugnu già.
La culpa è di mè matři:
Mi tèni arritirata,
Ma ora la jurnata
Vaiu di ccà e di đđà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Rapi la tò finestřa,
Talìa pi tterra e mari,
Ancora hav'a arrivari
Lu veru amuri tò.
Tu ca si' ttantu bbeđđa,
No, nun ti dispirari,
Chi la spiranza sempri
È l'ultima a murì.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Tegnu la porta aperta,
La mettu a vaniđđuzza,
E iù, ca su' nicuzza,
Mi mettu a llacrimà.
Di quanti beđđi giùvini
Ca pàssunu pi střata,
Nuđđu cu 'na vasata
Lu cori m'hâ alligrà.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.

Ora chi persi tutti,
Tutti quanti li spiranzi,
Mi chiuu nna 'stu cunventu
E nun ci penzu cchiù.
Chista è la storia tristi
Di 'na billizza rara,
Chi, nun truvàn maritu,
Ebbi la vita amara.

Si maritau Rosa,
Sariđđa e Pippineđđa,
E iù, ca sugnu beđđa,
Mi vogghiu marità.
Viene la primavera
Coi mandorli suoi 'n fiore,
Il fuoco dell'amore
Il cuore acceso m'ha.
Gli uccelli si rincorrono
Facendo discorselli,
Ah quante cose belle
Che mi fanno sognar.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

Oh quanti e quanti giovani
Passa per questa strada,
Nessuno una guardata
Alla mia casa dà.
Oh Dio, tra pene e lacrime
La vita ho da consumare,
Mi voglio fidanzare,
Mi voglio maritar.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

Se una notturna suonano
Qui nel quartiere mio,
Mi spunta un gran disìo,
Non posso più dormir.
Pian pian la porta accosto
E guardo dalla fessurina,
Vedo ch'è per Annina
E torno a lacrimar.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

La dote già l'ho fatta,
La casa, ho anche quella,
Non voglio star zitella,
Granduccia sono già.
La colpa è di mia madre:
Mi tiene ritirata,
Ma ora la giornata
Vado di qua e di là.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

Apri la tua finestra,
Guarda per terra e mare,
Deve ancora arrivare
Il vero amore tuo.
Tu che sei tanto bella,
No, non ti disperare,
Ché la speranza sempre
È l'ultima a morir.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

Tengo la porta aperta,
La metto a fessurina,
E io, che son piccina,
Mi metto a lacrimar.
Di tutti 'sti bei giovani
Che passano per strada,
Nessuno viene a baciarmi
Per rallegrarmi il cuor.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

Ora che ho perso tutte,
Tutte quante le speranze,
Mi chiudo in 'sto convento
E non ci penso più.
Questa è la storia triste
Di una bellezza rara,
Che non trovò marito
Ed ebbe vita amara.

Si son sposate Rosa,
Saretta e Pippinella,
E io, che sono bella,
Pure mi vo' sposar.

3 comments:

  1. Yet another version: https://www.youtube.com/watch?v=OFcjXWTmE0k
    And this: https://www.youtube.com/watch?v=KaYtTaTVY7Q

    ReplyDelete
  2. https://www.youtube.com/watch?v=hwQNHZqYoPc

    ReplyDelete
  3. https://www.youtube.com/watch?v=-MqLSs8t0BQ

    ReplyDelete