Saturday, 30 September 2017

Lu ciuffu

E ora un'altra canzone Siculo-Calabra, pure questa presente su Youtube, quando anche con un testo assai diverso e senza il "ma cu t'u fa fà" nel ritornello. Una cosa: originariamente avevo letto il testo come "mi susu na matina", ma "mi alzo una matina" aveva un "una" decisamente fuori posto, quindi ho pensato che dovesse essere "nnâ", da "nna" (in) + "(l)a".


Lu ciuffu

Mi susualzo nnânella matina
NtâNella vasca mi tuffu
Mi pigghiupiglio lu phon
E mi giustuaggiusto lu ciuffu

Rit.
Ciuffu ua
Ciuffu ua
Ciuffu ua
Ma cuchi t'ute lo fa fà

Mi pigghiupiglio lu cafè
Zùcchiru nun ci ndèn'è
NciCi mettu u zucchirinu
E col ciuffu nciuce lo ṙiminuagito

Rit.

A la matina all’alba
Mi fazzufaccio la barba
Ma nu iornu mi sgarrai
E lu ciuffu mi tagghiaitagliai

Rit.

ScinnuScendo ida lu purtuni
Mi pigghiupiglio u Lambrettuni
Ncuntru lu russu
E mi giustuaggiusto lu ciuffu

Rit.

ScinnuScendo ntânella chiazzapiazza
Ncuntru na bonazza
La baciu ntrasu lu mussulabbra
E mi si rizza lu ciuffu

Rit.

Lu ventu di la sirasera
Lu ciuffu mi stira
Nci mettu a brillantina
E lu ciuffu s'ase la ṙiminaagita

Rit.

Mi riva a cartulina
PiPer fari u militari
E 'n sususopra c’era scrittu
Lu ciuffu t’hât'hai a tagghiaritagliare

Rit.



那簇头发

我早晨上来起床
浴缸来跳入
吹风机拿出来
而收拾头发那绺阿

合唱
那绺哦
那绺哦
那绺哦
谁叫你这样做?

我整一杯咖啡
在没有砂糖诶
就加入一块糖
用那绺头发来搅拌

合唱

天色破晓的时间
我就来修面
但有一天来越轨
而且那绺也切碎

合唱

我从正门下来
我的车拿出来
遇到红灯啊
而那绺头发理整阿

合唱

我下广场啊
辣妹就遇上啊
亲亲他的口啊
就挺立了那绺头发

合唱

晚上刮的那风啊
那绺头发拉长啊
我加上美发油阿
而那绺头发将它动啊

合唱

我得到张明信片
服兵役的时候啊
上面就写着
那绺你得切走啊

合唱

Il ciuffo

Mi alzo la mattina
Nella vasca mi tuffo
Mi prendo il phon
E mi aggiusto il ciuffo

Rit.
Ciuffu ua
Ciuffu ua
Ciuffu ua
Ma chi te lo fa fare?

Mi piglio il caffè
Zucchero non ce n’è
Ci metto lo zuccherino
E col ciuffo ce lo mescolo

Rit.

Alla mattina all’alba
Mi faccio la barba
Ma un giorno ho sgarrato
E il ciuffo mi son tagliato

Rit.

Scendo dal portone
Mi piglio il Lambrettone
Mi becco un rosso
E mi aggiusto il ciuffo

Rit.

Scendo nella piazza
Incontro una bonazza
La bacio sulle labbra
E mi si rizza il ciuffo

Rit.

Il vento della sera
Il ciuffo mi stira
Ci metto la brillantina
E il ciuffo se la agita

Rit.

Mi arriva la cartolina
Per fare il militare
E sopra c’era scritto
Il ciuffo ti devi tagliare

Rit.



Nà cù tóufǎ

Wǒ zǎochén shàng lái qǐchuáng
Yùgāng lái tiào rù
Chuīfēngjī ná chūlái
Ér shōushí tóufǎ nà liǔ ā

Héchàng
Nà liǔ ó
Nà liǔ ó
Nà liǔ ó
Shéi jiào nǐ zhèyàng zuò?

Wǒ zhěng yībēi kāfēi
Zài méiyǒu shātáng éi
Jiù jiārù yīkuài táng
Yòng nà liǔ tóufā lái jiǎobàn

Héchàng

Tiānsè pòxiǎo de shíjiān
Wǒ jiù lái xiū miàn
Dàn yǒu yītiān lái yuèguǐ
Érqiě nà liǔ yě qiē suì

Héchàng

Wǒ cóng zhèngmén xiàlái
Wǒ de chē ná chūlái
Yù dào hóng dēng a
Ér nà liǔ tóufǎ lǐzhěng ā

Héchàng

Wǒ xià guǎngchǎng a
Làmèi jiù yùshàng a
Qīnqīn tā de kǒu a
Jiù tǐnglìle nà liǔ tóufǎ

Héchàng

Wǎnshàng guā de nà fēng a
Nà liǔ tóufǎ lā cháng a
Wǒ jiāshàng měifǎyóu ā
Ér nà liǔ tóufǎ jiāng tā dòng a

Héchàng

Wǒ dédào zhāng míngxìnpiàn
Fú bīngyì de shíhòu a
Shàngmiàn jiù xiězhe
Nà liǔ nǐ dé qièzǒu a

Héchàng

Tuesday, 26 September 2017

Di mamma ce n'è una sola

Anche oggi abbiamo una canzone popolare calabrese, in questo caso reperibile su Youtube. La traduzione Cinese è stata molto impegnativa perché son riuscito a tenere le rime dell'originale. Risale al 30/8/2017 tra le 15 e le 16. Vi avverto che «l'è piò longa 'd al litanèi» (è più lunga delle litanie), come disse mio padre in dialetto romagnolo, dunque prendetevi il tempo necessario prima di leggerla. Anche qui i pezzi del tipo "mbilli mbilli" o "ed e giustu, m'u dicu" sono tradotti liberamente in modo da far rima.

La mamma

Rit.
DONNE Pi pi pi pi pi pi pi
UOMINI PUM
DONNE Piripipì

SugnuSono cuntentu mbilli mbilli
ChiChe mè mamma mi fiçifece i capilli:
Mi ndine fiçi a tignitèa gogo,
Cunta: unu, dui, e tre.

Rit.

Sugnu cuntentu, sugnu cuntentu,
Chi mè mamma mi fiçi li denti,
Li fiçi belli, mi ndi fiçi tanti,
Ma nun mi fiçi chiddiquelli ṙavantidavanti

Rit.

Sugnu pigghiatupigliato ṙida cuntintizzicontentezze
Chi mè mamma mi fiçi l’occhiuzzi:
Mi li fiçi cu lu càlibru:
Uno è orbu, e l’autřul'altro è střabicu.

Rit.

Sugnu cuntentu ticchi e ticchi
Chi mè mamma mi fiçi li ricchi:orecchie
Mi li fiçi tutti e du uguali,
Com'a du manichi di rinaliorinale

Rit.

Sugnu cuntentu e la terra basubacio
Chi mè mamma mi fiçi lu nasu:
Mi lu fiçi bellu eleganti,
Com'a chidduquello dell’oliufantielefante

Rit.

Sugnu cuntentu e la gioia trabucca
Chi mè mamma mi fiçi la bucca:
Mi la fiçi cucon misura:
TřasiEntra nu sceccuasino cu tutta la cuṙacoda.

Rit.

Sugnu cuntentu, mancu li cani,
Chi mè mamma mi fiçi li mani:
Mi li fiçi dalla santa aṙmuzzaanimuccia:
Una ch'icolle ìṛitadita, e l’autřal'altra muzza.

Rit.

Sugnu cuntentu – ed è giustu, v'uve lo dicu –
Chi mè mamma mi fiçi u mbiddicuombelico:
Mi lu fiçi di grandi furmatu
Pi putiricipoterci fari u bucatu.

Rit.

Sugnu cuntentu, titimmi e titammi,
Chi mè mamma mi fiçi li iammigambe:
Sì, però non se n’è accorta:
Una è curta, e l’autřal'altra è storta.

Rit.

Sugnu cuntentu, biscotti e taralli,
Chi mè mamma mi fiçi li palli:
Li fiçi grossi, mi ndine fiçi tři,
Ma nun mi fiçi lu pipiripì.

Rit.

Sugnu cutentu, e nun fazzufaccio misteri,
Chi mè mamma mi fiçi li peṙipiedi:
Mi li fiçi quaranta e menzumezzo,
Unu quaranta, e l’autřul'altro menzu.

Rit.

Vui pensate: «Ma quant’è fissafessa:
UndiDove l’appoggia sta cuntentizzacontentezza?»:
Iu su' cuntentu, e lu grassu cula,
Chi di mamma cci ndè una sula.
(Ultime 2 righe 3v.)

Rit. (sempre più veloce)



妈妈

合唱
女:噼噼噼噼噼噼噼
男:嘭
女:噼哩噼噼

我真地快乐,哎呀呕发,
因为妈妈交给了我头发:
也交给了我很多啦,
数数:一条,两条,三条。

合唱

我很快乐啊,很开心啊
因为妈妈交给了我牙,
交给漂亮的,交给了很多阿,
但在口前面没有创作啊。

合唱

我的心现在充满幸福啊
因为妈妈交给了双目啊:
他用量规将它们创了:
一眼斗了,一眼盲了。

合唱

我很快乐啊,我很快乐啊,
因为妈妈交给我双耳呀:
她有创作的是一样的,
就像双耳瓶都有的双耳。

合唱

我现在是快乐的小儿子
因为妈妈交给了我鼻子:
他创作的真的典雅啦,
就像大象的鼻子一样啊。

合唱

我的幸福现在从心出流啊
因为妈妈交给了我口阿:
它的大小一定允宜啊:
驴子跟尾巴都能够进去啊。

合唱

我快乐胜过看物主的狗啊,
因为妈妈教给我双手啊:
她用慈心就来创作啊:
一个有手指,另一个没有啊。

合唱

我很快乐而感谢我的母亲
因为妈妈交给了我肚脐:
她有做的就大于旗幅,
这样能在它里面洗衣服。

合唱

比我更快乐就没有谁啊,
因为妈妈交给我双腿啊:
但她却没有注意啊:
一条短了,一条弯曲啦。

合唱

我很快乐而天色就蓝啦
因为妈妈交给了我蛋蛋:
交给我大的,交给我三个,
但是小鸟不是他给我的。

合唱

我很快乐啊,向你们告诉啊,
因为妈妈交给我双足啊:
大小就是四十半:
一个是四十,另一个是半。

合唱

你们就想:“她一定愚弄啊:
这样的快乐怎能享用啊”:
我很快乐啊,就是可以的
因为妈妈就是唯一的。
(最后两行三次)

合唱(越来越快)

La mamma

Rit.
DONNE Pi pi pi pi pi pi pi
UOMINI PUM
DONNE Piripipì

Sono contento mbilli mbilli
Che mia mamma mi ha fatto i capelli
Me ne ha fatti a gogo,
Conta: uno, due, e tre.

Rit.

Sono contento, sono contento,
Che mia mamma mi ha fatto i denti,
Li ha fatti belli, me ne ha fatti tanti,
Ma non mi ha fatto quelli davanti

Rit.

Sono preso da contentezza
Che mia mamma mi ha fatto gli occhietti:
Me li ha fatti col calibro:
Uno è orbo, e l’altro è strabico.

Rit.

Sono contento ticchi e ticchi
Che mia mamma mi ha fatto le orecchie:
Me le ha fatte tutte e due uguali,
Come due manici di un orinale.

Rit.

Sono contento e la terra bacio
Che mia mamma mi ha fatto il naso:
Me lo ha fatto bello elegante,
Come quello dell’elefante.

Rit.

Sono contento e la gioia trabocca
Che mia mamma mi ha fatto la bocca:
Me l’ha fatta con misura:
[Ci] entra un asino con tutta la coda.

Rit.

Sono contento, nemmeno i cani,
Che mia mamma mi ha fatto le mani:
Me le ha fatte dal profondo del cuore:
Una colle dita, e l’altra mozza.

Rit.

Sono contento – ed è giusto, me lo dico
Che mia mamma mi ha fatto l’ombelico:
Me lo ha fatto di grande formato
Per poterci fare il bucato.

Rit.

Sono contento, titimmi e titammi,
Che mia mamma mi ha fatto le gambe:
Sì, però non se n’è accorta:
Una è corta, e l’altra è storta.

Rit.

Sono contento, biscotti e taralli,
Che mia mamma mi ha fatto le palle:
Le ha fatte tonde, e me ne ha fatte tre,
Ma non mi ha fatto il pipiripì.

Rit.

Sono contento, e non faccio misteri,
Che mia mamma mi ha fatto i piedi:
Me li ha fatti quaranta e mezzo,
Uno quaranta, e l’altro mezzo.

Rit.

Voi pensate: «Ma quanto è fessa:
Dove l’appoggia ‘sta contentezza?»:
Io son contento, e il grasso cola,
Che di mamma ce n’è una sola.
(Ultime 2 righe 3v.)

Rit. (sempre più veloce)



Māmā

Héchàng
Nǚ: Pī pī pī pī pī pī pī
Nán: Pēng
Nǚ: Pīlīpīpī

Wǒ zhēn de kuàilè, āiyā ǒufā,
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ tóufǎ:
Yě jiāogěile wǒ hěnduō la,
Shùshù: yī tiáo, liǎng tiáo, sān tiáo.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, hěn kāixīn a
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ yá,
Jiāogěi piàoliang de, jiāogěile hěnduō ā,
Dàn zài kǒu qiánmiàn méiyǒu chuàngzuò a.

Héchàng

Wǒ de xīn xiànzài chōngmǎn xìngfú a
Yīnwèi māmā jiāogěile shuāngmù a:
Tā yòng liángguī jiāng tāmen chuàngle:
Yī yǎn dòule, yī yǎn mángle.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, wǒ hěn kuàilè a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngěr ya:
Tā yǒu chuàngzuò de shì yīyàng de,
Jiùxiàng shuāng'ěrpíng dōu yǒu de shuāng'ěr.

Héchàng

Wǒ xiànzài shì kuàilè de xiǎo'érzi
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ bízi:
Tā chuàngzuò de zhēnde diǎnyǎ la,
Jiùxiàng dàxiàng de bízi yīyàng a.

Héchàng

Wǒ de xìngfú xiànzài cóng xīn chūliú a
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ kǒu ā:
Tā de dàxiǎo yīdìng yǔn yí a:
Lǘzǐ gēn wěibā dōu nénggòu jìnqù a.

héchàng

Wǒ kuàilè shèngguò kàn wùzhǔ de gǒu a,
Yīnwèi māmā jiàogěi wǒ shuāngshǒu a:
Tā yòng cíxīn jiù lái chuàngzuò a:
Yī gè yǒu shǒuzhǐ, lìng yī gè méiyǒu a.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè ér gǎnxiè wǒ de mǔqīn
Yīnwèi māmā jiāo gěile wǒ dùqí:
Tā yǒu zuò de jiù dàyú qífú,
Zhèyàng néng zài tā lǐmiàn xǐ yīfú.

Héchàng

Bǐ wǒ gèng kuàilè jiù méiyǒu shéi a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngtuǐ a:
Dàn tā què méiyǒu zhùyì a:
Yī tiáo duǎnle, yī tiáo wānqū la.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè ér tiānsè jiù lán la
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ dàndàn:
Jiāogěi wǒ dà de, jiāogěi wǒ sān gè,
Dànshì xiǎoniǎo bù shì tā gěi wǒ de.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, xiàng nǐmen gàosù a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngzú a:
Dàxiǎo jiùshì sìshí bàn:
Yī gè shì sìshí, lìng yī gè shì bàn.

Héchàng

Nǐmen jiù xiǎng: “Tā yīdìng yúnòng a:
Zhèyàng de kuàilè zěn néng xiǎngyòng a”:
Wǒ hěn kuàilè a, jiùshì kěyǐ de
Yīnwèi māmā jiùshì wéiyī de.
(Zuìhòu liǎng xíng sāncì)

Héchàng (yuè lái yuè kuài)


Note testuali

  • "Mbilli mbilli" e "titimmi e titammi" sono, a quanto ne so, espressioni perfettamente prive di significato utili unicamente a fare rime; tale è anche l'impressione di una mia amica calabrese, ed è confermato da chi mi ha fornito il testo;
  • Si registra, nel testo che mi è stato fornito, un'oscillazione fra "chi" e "che"; io scelgo di normalizzare tutto a "chi", in quanto voce "più calabro-sicula" nella mia limitata conoscenza;
  • Nel testo che mi è stato fornito, la prima strofa aveva "capiddi"; ora, è chiaro che "mbilli mbilli" ha da far rima, quindi dovrebbe essere "capilli"; inoltre il video ha "capilli"; quindi ho modificato il testo;
  • "Tre" non presenta la "ř" poiché nel video viene pronunciato all'italiana, senza la consonante retroflessa;
  • Nel testo che mi è stato fornito si leggeva "I fici belli", ma visto che "i" e "li" son perfettamente uguali preferisco usare sempre "li";
  • Nel testo fornitomi si registra un'oscillazione tra "non" e "nun", che normalizzo a "nun" per ragioni analoghe a quelle del secondo punto;
  • Su "cuntentizzi", "cuntintizza" e "oliufanti" ho dovuto fare un compromesso tra il mio voler trasformare ogni "e" e "o" non accentata in "i" e "u" rispettivamente, prodotto dal mio "sapere" che in Siciliano è così, e il fatto che mi trovavo nel testo fornitomi "contentizzi", "cuntentizza" e "oleufanti", mentre nel video si sente "cuntèntizzi" ("e" aperta non accentata, l'accento è sulla "i"), "cuntèntézza" (una "e" aperta e l'altra chiusa e accentata) e "oliofanti"; la "u" di "cuntentizza" si può normalizzare perché è una costante del video e oscilla nel testo, la "e" non accentata invece è una costante in entrambi quindi l'ho lasciata come "e"; l'amica calabrese dice che dalle sue parti è «cuntentizzi» (con "e" aperta, credo), invece un certo dizionario riporta cuntintizza, quindi forse dipende dalla zona; trasferiamo questo punto su Quora Italiano; quanto a "oliofanti", ho scelto un ibrido tra il testo e il video, lasciando solo la prima "o" come "o", perché ci cade sopra l'accento della melodia e quindi una bella "o" aperta ci sta bene; stando a chi mi ha fornito il testo, "dovrebbe essere cuntintizzi in teoria" e "il testo è ststo scritto a partire dal video", quindi mi tengo l'oliufanti e metto le cuntentizzi;
  • Se abbiamo "li ricchi", è chiaro che dobbiamo avere "ticchi e ticchi", se no la rima non c'è;
  • I "rinali" (Italiano corrispondente "orinali") di cui nella canzone sono vasi da notte con due manici che somigliano a due orecchie; immagine qui;
  • Curiosità etimologiche: "třasi" deriva dal Latino "transire", mentre "sceccu" viene dal Turco "eşek" (letto "éshek") che vuol dire "asino";
  • È curioso che "cauda" sia diventato "cura": va bene il rotacismo, ma "au" tipicamente si contrarrebbe in una "o" aperta; evidentemente qui la "a" si è proprio persa;
  • "Sugnu cuntentu, mancu li cani" suppongo si riferisca ai cani che fanno le feste al padrone che torna a casa, intendendo che lui è ancor più contento di quei cani; pare (e anche qui) che l'espressione possa avere anche un senso negativo; chiaramente non è il caso di questa canzone; stranamente, il senso positivo non si trova su Internet, e io ne trovo traccia solo in questa canzone e nella spiegazione della stessa da parte della mia amica calabrese; stando a chi mi ha dato il testo, "mancu li cani" si usa per dire una cosa esagerata, quindi "sugnu cuntentu, mancu li cani" è un po' come "Maria chi sugnu cuntentu!" (cfr. "Maria chi sunnu beddi" in una delle tante versioni di Si maritau Rosa in Siciliano);
  • Nel testo trovavo "dda", ma la doppia "d" iniziale rischia di indurre una pronuncia retroflessa che non sarebbe corretta; inoltre, per l'interpretazione che do, "da" è la contrazione di "da" e "a", e quindi necessita di un circonflesso;
  • Nel testo trovavo "chi i irita"; dapprima pensavo dovesse essere "chî rita", con "rita" rotacizzato da "dita" e "chî" contrazione di "cu" e "i"; poi ho sentito il video che diceva "chi ìrita" e non capivo da dove saltasse fuori "ìṛita"; infine ho scoperto che, mentre in Italiano "digitum" ha perso una sillaba ed è diventato "ditu" e poi "dito", in Siciliano/Calabrese c'è stata una metatesi che ha prodotto "giditu", poi la "g" si è indebolita ("jìditu") ed è scomparsa del tutto ("ìditu"), infine abbiamo il rotacismo, e dunque "ìṛitu" e "ìṛita" corrispondono a "dito" e "dita", dopodiché "chî" è azzeccato perché è una contrazione, come avevo pensato; macché contrazione, è un'elisione dura e pura questa!
  • Sia il video che il testo fornitomi hanno "m'u dicu", ma "v'u dicu" mi piace di più (e corrisponde alla traduzione, gnè gnè sto barando perché ho tradotto male :) );
  • Nel testo fornitomi trovavo "mbeddicu", la forma siciliana sarebbe "viddicu", forse l'iniziale "mb" è una forma più arcaica, da un "umbillicus"; questo (e il video, se non erro) giustifica di aver cambiato la "e" in "i", poiché in Calabro/Siculo le "i" non diventano "e" ma restano "i";
  • "Sì però non se n'è accorta" l'ho lasciato così come fosse una frase italiana inserita nella canzone; per "normalizzarla" dovrei mettere "Sì pirò nun si nn'è accorta";
  • Il testo legge "tondi", il video canta "grossi"; io ho scelto di seguire il video, vedendo il fatto che sono "grossi" (oltre che "tři") come una sorta di "rimediare" al "pipiripì" che manca;
  • Come sia saltata fuori la -n- in "menzu" non lo so; la forma originale era "mediu", da cui mi suggeriscono i linguisti di Linguistics Stack Exchange che potrebbe esser derivato un "mezu" e poi in Italiano la "z" s'è raddoppiata mentre in Calabrese s'è prenasalizzata; infatti, dicono, geminazione (raddoppiamente) e prenasalizzazione sono entrambi esempi di "fortizione" (rafforzamento); oppure ci sono esempi di degeminazione e prenasalizzazione nelle lingue semitiche, dunque è possibile che da "mezzu" sia uscito "menzu";
  • Il testo fornitomi legge "dundi"; io ho seguito il video nel perdere la "d", anche se il video canta "unde"; secondo l'amica calabrese varia da zona a zona, e si usano entrambe le forme; in Siciliano, stando al Wikizziunàriu, esistono unni e dunni, oltre alle forme in -a, che sono sconsigliate;
  • "Lu grassu cula" suppongo si riferisca a qualche festa con un vitello grasso in tavola (viene alla mente il figliol prodigo dove al ritorno del figlio il padre fa appunto ammazzare il vitello grasso), dove il grasso che cola è di origine animale e rimanda alla grande gioia per cui si è ammazzato il vitello grasso; in effetti, ho appena sentito un'analoga espressione italiana, «grasso che cola», per indicare una cosa positiva; cfr. Yahoo Answers, WordReference, Forum Corriere; quindi forse una traduzione migliore sarebbe «Io sono contento, è grasso che cola»; spiegazione di chi mi ha fornito il testo: «"lu grassu cula" significa letteralmente (contestualizzato nella canzone) che è più contento di quanto potesse aspettarsi, è cosi tanto il grasso (la grazia ricevuta) che "straborda"»; quindi direi che ci abbiamo preso;
  • Il testo legge "nci ndè", io seguo il video col suo "cci ndè".

Saturday, 23 September 2017

Mi tagghiu u mustazzu

Oggi migriamo al sud e iniziamo un trio di canzoni calabro-sicule. Sfortunatamente non sono in grado di trovare questa su Youtube, se non nel video fatto da me in cui la canto prima in Calabrese e poi in Cinese (con una piccola "svista" che cambia la traduzione ma essenzialmente non il senso della stessa). Per questa come per le altre l'ortografia segue le convenzioni di questo post. L'ultima strofa in realtà è un intruso che viene da un'altra canzone, ma visto che l'ho già tradotta tanto vale ficcarcela dentro :). La traduzione risale al 17-18/7/2017, salvo che la seconda strofa è stata tradotta probabilmente intorno al 5/8.

U mustazzu

Rit.
Quandu pensu a lu bruttu mumentu,
Chi fazzu? Mi mmazzu?
Mi tagghu u mustazzu?
Mi ettu ntô puzzu?
Nenti mi fazzu?
Chiamati u cumpari…
U cumpari non c’è!

Ntô me paisi ncesti na figghiola
Chi mi la pigghiu picchì è troppu bona,
Chi mi la pigghiu picchì è troppu bona,
Chi bella cosa mi facimmu ammuri…

Rit.

A casa tegnu duṙici vistiti,
Ottu di carta e quattru di cartuni,
Chi mi li mentu quandu mi maritu,
Chi bella cosa mi facimmu ammuri…

Rit.

L’amuri è fattu comu a n’armacera:
Si fa nta l’annu e si sfaci ntâ sera,
Si fa nta l’annu e si sfaci ntâ sera,
Chi bella cosa mi facimmu ammuri…

Rit. (sempre più veloce)



胡子

合唱
当我想到那不好的时
该做什么?该自杀?
该切走我胡子?
该跳入水井去?
该不做什么?
请给男傧相打电话…
他不在!

在我的故乡有一个女人啊,
我会跟她结婚因她太正啊,
我会跟她结婚因她太正啊,
太开心我们两个人来做爱!

合唱

我在我的家有十二件衣服,
八件用纸,四件用纸板做的,
我在结婚时会将它们穿上。
太开心我们两个人来做爱!

合唱

爱情就像一个干石的强啊:
一年来住立,一晚来破坏啊,
一年来住立,一晚来破坏啊,
太开心我们两个人来做爱!

合唱(越来越快)

I baffi

Rit.
Quando penso al brutto momento,
Che faccio? Mi ammazzo?
Mi taglio i baffi?
Mi getto nel pozzo?
Non faccio niente?
Chiamate il testimone di nozze…
Il testimone non c’è!

Nel mio paese c’è una ragazza
Che me la sposo perché è troppo bòna,
Che me la sposo perché è troppo bòna,
Che bella cosa che facciamo l’amore…

Rit.

A casa ho dodici vestiti,
Otto di carta e quattro di cartone,
Che me li metto quando mi marito,
Che bella cosa che facciamo l’amore…

Rit.

L’amore è fatto come un muretto a secco:
Si fa nell’anno e si disfa nella sera,
Si fa nell’anno e si disfa nella sera,
Che bella cosa che facciamo l’amore…

Rit. (sempre più veloce)



Húzi

Héchàng
Dāng wǒ xiǎng dào nà bù hǎo de shí
Gāi zuò shénme? Gāi zìshā?
Gāi qièzǒu wǒ húzi?
Gāi tiào rù shuǐjǐng qù?
Gāi bù zuò shénme?
Qǐng gěi nán bīn xiàng dǎ diànhuà…
Tā bù zài!

Zài wǒ de gùxiāng yǒu yī gè nǚrén a,
Wǒ huì gēn tā jiéhūn yīn tā tài zhèng a,
Wǒ huì gēn tā jiéhūn yīn tā tài zhèng a,
Tài kāixīn wǒmen liǎng gè rén lái zuò'ài!

Héchàng

Wǒ zài wǒ de jiā yǒu shí'èr jiàn yīfú,
Bā jiàn yòng zhǐ, sì jiàn yòng zhǐbǎn zuò de,
Wǒ zài jiéhūn shí huì jiāng tāmen chuān shàng.
Tài kāixīn wǒmen liǎng gè rén lái zuò'ài!

héchàng

Àiqíng jiùxiàng yīgè gànshí de qiáng a:
Yī nián lái zhùlì, yī wǎn lái pòhuài a,
Yī nián lái zhùlì, yī wǎn lái pòhuài a,
Tài kāixīn wǒmen liǎng gèrén lái zuò'ài!

Héchàng (yuè lái yuè kuài)


Il "mi" tradotto con "che" ritengo sia la congiunzione di cui al link. Forse una traduzione più fedele all'uso di quel "mi" sarebbe «Che bella cosa il nostro far l'amore».

Tuesday, 19 September 2017

L'uselin

Oggi un'altra canzone popolare, questa volta reperibile su Youtube (sebbene con musica un po' diversa), è veneta. Chi capisce il Cinese, in cui ho tradotto questa canzone il 13/7 del 2017, noti che i pezzi tipo "l'uselin sbatea le alle" sono tradotti completamente diversi perché sono intesi come utili solo a fare rima.

L'uselin della comare

L'uselin della comare
È volato sulla testa
L'uselin faceva festa

E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare
E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare

L'uselin della comare
S'è posato sulle spalle
L'uselin sbattea le alle

E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare
E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare

L'uselin della comare
È volato sulle tette
L'uselin sbattea le alette

E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare
E un po' più in giù volea volare
L'uselin della comare

L'uselin della comare
S'è posato sui genoci
L'uselin sbatteva i oci

E un po' più in su dovea volare
L'uselin della comare
E un po' più in su dovea volare
L'uselin della comare

L'uselin della comare
È volato sulla mona
E che sia la volta bona

E proprio li volea volare
L'uselin della comare
E proprio li volea volare
L'uselin della comare


小姐的那只小雀啊

小姐的那只小雀啊
有来位于她的头啊
它却只有短时留啊

还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊
还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊

小姐的那只小雀啊
有来位于她的肩啊
却只飘动小一点啊

还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊
还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊

小姐的那只小雀啊
有来位于她的奶啊
他却还要飞下来啊

还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊
还想要飞到下一点啊
小姐的那只小雀啊

小姐的那只小雀啊
有来位于她的膝啊
他却还不太欢喜啊

还想要飞到上一点啊
小姐的那只小雀啊
还想要飞到上一点啊
小姐的那只小雀啊

小姐的那只小雀啊
到底来位于外阴啊
他就真正的开心啊

要飞到的就有飞到啊
小姐的那只小鸟啊
要飞到的就有飞到啊
小姐的那只小鸟啊

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Yǒu lái wèiyú tā de tóu a
Tā què zhǐyǒu duǎn shí liú a

Hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Yǒu lái wèiyú tā de jiān a
Què zhǐ piāodòng xiǎo yīdiǎn a

Hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Yǒu lái wèiyú tā de nǎi a
Tā què hái yào fēi xiàlái a

Hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Hái xiǎngyào fēi dào xià yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Yǒu lái wèiyú tā de xī a
Tā què hái bù tài huānxǐ a

Hái xiǎngyào fēi dào shàng yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Hái xiǎngyào fēi dào shàng yīdiǎn a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a

Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎoquè a
Dàodǐ lái wèiyú wàiyīn a
Tā jiù zhēnzhèng de kāixīn a

Yào fēi dào de jiù yǒu fēi dào a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎo niǎo a
Yào fēi dào de jiù yǒu fēi dào a
Xiǎojiě de nà zhǐ xiǎo niǎo a

Saturday, 16 September 2017

La strada del bosco

Col canto napoletano dello scorso post inizia una serie di canzoni popolari Italiane. Oggi ve ne propongo una che, purtroppo, su Youtube non si trova. La cosa più vicina che si trova a questa canzone è questa, che però ha una musica diversa e alla fine anche un testo diverso.

La strada la strada del bosco

La strada la strada del bosco
L’è lunga l’è larga l’è stretta (2v)
L’è fatta l’è fatta a barchetta
L’è fatta per fare l’amor (2v)

L’amore l’amore lo faccio
Lo faccio colla mia bella (2v)
Che sembra che sembra una stella
Caduta caduta dal ciel (2v)

Caduta caduta dal cielo
Mandata mandata da Dio (2v)
Che bello che bel paradiso
Dormire una notte con te (2v)

Di notte di notte non dormo
Di giorno di giorno cammino (2v)
Io penso io penso al destino
Che un giorno la devo sposar (2v)

Sposarla sposarla non posso
Lasciarla lasciarla nemmeno (2v)
Daremo daremo il veleno
Per farla per farla morir (2v)


森林中森林中的路啊

森林中森林中的路啊
很长啊很阔呀很狭呀(两次)
它有一个小船的形状
它就相当为了做爱(两次)

我来啊我来啊跟我啊
跟我啊的爱人做爱呀(两次)
她似乎她似乎是星啊
从天上落下的小星(两次)

从天上从天上落下的
被上帝送给我的小星(两次)
我似乎我似乎在天堂
当跟妳一个夜睡觉(两次)

我夜间我夜间不睡觉
而白天而白天就走路(两次)
我想到我想到命运呀
我有一天就得娶她(两次)

我不能我不能娶她呀
也不能也不能离开她(两次)
就会给就会给她毒药
而叫她而叫她死去(两次)

Sēnlín zhōng sēnlín zhōng de lù a

Sēnlín zhōng sēnlín zhōng de lù a
Hěn cháng a hěn kuò a hěn xiá a (liǎng cì)
Tā yǒu yī gè xiǎo chuán de xíngzhuàng
Tā jiù xiāngdāng wèile zuò’ài (liǎng cì)

Wǒ lái a wǒ lái a gēn wǒ a
Gēn wǒ a de àirén zuò’ài ya (liǎng cì)
Tā sìhu tā sìhu shì xīng a
Cóng tiān shàng luòxià de xiǎoxīng (liǎng cì)

Cóng tiān shàng cóng tiān shàng luòxià de
Bèi Shàngdì sòng gěi wǒ de xiǎoxīng (liǎng cì)
Wǒ sìhu wǒ sìhu zài tiāntáng
Dāng gēn nǐ yī gè yè shuìjiào (liǎng cì)

Wǒ yèjiān wǒ yèjiān bù shuìjiào
Ér báitiān ér báitiān jiù zǒulù (liǎng cì)
Wǒ xiǎngdào wǒ xiǎngdào mìngyùn ya
Wǒ yǒu yī tiān jiù děi qǔ tā (liǎng cì)

Wǒ bù néng wǒ bù néng qǔ tā ya
Yě bù néng yě bù néng líkāi tā (liǎng cì)
Jiù huì gěi jiù huì gěi tā dúyào
Ér jiào tā ér jiào tā sǐqù (liǎng cì)

Thursday, 14 September 2017

Sulla mia ortografia del dialetto Romagnolo di Russi

Avendo fatto una traduzione di Saffo in dialetto Romagnolo, precisamente nel dialetto di Russi parlato da mio padre e dai miei nonni paterni, devo decidere un modo di dare a tale traduzione una veste ortografica sensata per presentarla nel blog. Su consiglio di E.P. ho consultato il vocabolario dialettale di Libero Ercolani. Tuttavia, ho l'impressione che quel dizionario rifletta un dialetto, probabilmente ravennate dato che il dizionario è stato pubblicato a Ravenna, che, pur molto simile al mio, non è esattamente lo stesso. La cosa non è sorprendente, visto che basta spostarsi di un paese e il dialetto cambia, di poco, ma cambia. Dunque partirò da un'analisi fonetica della mia pronuncia nel dialetto per giungere a un alfabeto fonetico, che in parte trarrà convenzioni da quel dizionario, e in parte adotterà convenzioni proprie, segnalando tali casi esplicitamente in questo post.
Procediamo dunque all'analisi fonetica. Ci tengo a precisare che i miei metodi non sono particolarmente precisi: principalmente l'identificazione dei dittonghi si basa sul mio orecchio e, soprattutto nel caso dei secondi elementi dei dittonghi, sul fermarsi su quegli elementi e spostare la lingua in avanti per ottenere vocali "frontali" di più facile identificazione. Per esempio, nel caso di /eɘ̯/, per concludere che il secondo elemento fosse /ɘ/ e non, per esempio, /ə/, mi ci sono fermato sopra, ho spostato la lingua in avanti, e ottenendo una /e/ ho concluso che il suono originale dovesse essere una vocale "chiuso-media" e "srotondata" (che poi a dire il vero tra chiuso-media e media là davanti non distinguo proprio, quindi potrebbe benissimo essere una ǝ, ma certo non una з), dopodiché fermandomici sopra e arrotondando le labbra non ho ottenuto una /o/, dunque l'elemento originario doveva essere "centrale", e dunque /ɘ/. Se qualche linguista o fonologo che ne sa di più o dispone di metodi più precisi (tipo PRAAT, che io non so usare e nemmeno ho scaricato, anche ammesso che sia gratis) per identificare le vocali leggesse questo post, non esiti a contattarmi per mettere, quando voglia, questi sistemi a mia disposizione. Si noti da ultimo che i termini fonetici che utilizzo sono calchi da me coniati dei termini inglesi, dunque potrebbero non essere corretti.

  • Per prima cosa, naturalmente, la mia ortografia trarrà molto da quella dell'Italiano, come è più o meno standard fare nello scrivere un dialetto;
  • Le consonanti, per fortuna, sono molto simili a quelle Italiane; a loro riguardo, bisogna solamente menzionare le sequenti poche cose:
    • La "z" indica le due fricative dentali /θ/ e /ð/, dove la pronuncia sorda viene, quasi come fa l'altro dizionario, indicata da un punto sotto, perché il + usato dal dizionario non è digitabile colla mia tastiera mentre il punto sì;
    • Analogamente, per la "s" sonora /z/ uso ṣ (s con punto sotto invece del più), mentre per quella sorda /s/ uso una "s" semplice;
    • Sospetto fortemente che il fonema /s/, così come quello /z/, oscillino tra una pronuncia che chiamerò X, la cui natura è per me incerta (vedo dopo), e una normale lamino-alveolare, quest'ultima essendo quella italiana standard; non tenterò di precisare questa distinzione, che non mi risulta fonematica, ma predispongo per chiunque volesse essere più pignolo l'uso dell'accento acuto (ś, ṣ́) per indicare la pronuncia X; ho chiesto a mio padre, che è madrelingua; lui non pare distinguere i due suoni, quindi probabilmente non vi è un'opposizione fonematica tra X e lamino-alveolari; dagli esempi che mi ha fatto, il sospetto che ho è che il fonema sia apicale, ma si assimili a laminale quando si trova racchiuso tra due dentali, come nella frase «a-n sò bõ 'd stêṙ férum» (non son capace di stare fermo), dove la "s" di "stêṙ" è circondata da "'d" e dalla "t" che la segue, due dentali, e diventa laminale; non so se vi siano altri contesti in cui questa variazione ha luogo, e ascoltando 30m di mia nonna pare che sia una questione di accento, visto che la nonna, a parte un caso isolato, ha consistentemente la pronuncia X; questa X, stando a Wikipedia, è retroflessa; io non ho l'assoluta certezza che sia retroflessa, ma dal suono sicuramente o è retroflessa, o è apico-alveolare, o è alveolare retratta come quella greca; devo studiare un sistema di fare un sondaggio che mi dia qualche informazione in merito;
    • Dato che non mi risulta che la /ʃ/ (sc di scena) esista in questo dialetto, utilizzerò la "sc" per la successione /stʃ/, laddove per esempio in Veneto viene usata la grafia "s'c" o simili; dunque "fèscia" non ha da leggersi all'Italiana, ma come un fès-cia, cioè una s italiana e poi una c dolce italiana;
    • Ritengo che i fonemi /tʃ/ e /dʒ/ possano, a seconda del parlante e forse anche della vocale che lo segue, oscillare tra un suono palato-alveolare (alias postalveolare, i suoni delle c e g dolci in Italiano) e una pronuncia alveolo-palatale /tɕ/ e /dʑ/; anche qui, la distinzione non è fonematica ma allofonica o dipendente dal parlante, dunque non mi prodigherò per distinguerla, ma predispongo un sistema per farlo, e precisamente suggerisco di contrassegnare la pronuncia alveolo-palatale con l'accento acuto (ć, ǵ); e anche qui devo trovare il modo di ottenere informazioni in più;
    • C'è poi da osservare che le consonanti geminate (alias "doppie" per l'ortografia italiana delle stesse) non esistono in questo dialetto; dunque, se vedete una doppia, tipicamente sarà un artificio per indicare una quantità vocalica, ovvero una tendenza a pronunciare la vocale precedente come corta (consonante doppia) o lunga (consonante singola);
    • Si noti anche che, per la /tʃ/ finali, uso la grafia -c, e per le /k/ finali uso -ch, raddoppiando la c in caso di ultima vocale breve; quindi ad esempio abbiamo òc (o aperta lunga, c dolce, "occhio") e ócc (o chiusa breve, c dolce, "occhi"), e poi nẽch (n, e aperta lunga, c dura, "anche"), e non mi viene in mente un esempio di -cch;
    • Esistono da ultimo delle consonanti finali (tipicamente negli infiniti) che vengono pronunciate solo come "liaison" quando la parola successiva inizia per vocale; il dizionario le scrive come sempre pronunciate, forse perché a Ravenna si pronunciano sempre; io preferisco indicarle con un punto sopra, dunque con ṙ; esempi sono, appunto, gli infiniti, come mãgnêṙ, mangiare; inizialmente avevo l'impressione che i participi (come mãgnê, mangiato, che originariamente intendevo scrivere mãgnêḋ) avessero una "d" di liaison, ma poi mi son reso conto che l'unico esempio di tale ḋ che avevo in mano era nêḋ (nato), e soltanto in un indovinello che forse registra una forma arcaica; in effetti a volte anche negli infiniti le liaison spariscono pur avendo una parola che inizia con vocale a seguirle, nel qual caso sostituisco la ṙ con un'apostrofo; forse nel caso dei participi la ḋ si è quasi sempre persa tranne in pochi casi; certo è che i dittonghi nel parlato veloce possono perdere i secondi elementi, e questo succede certo nel caso di una liaison mancata, sia di tipo ṙ che di tipo ḋ; per esempio, "a-n ò mãgnê incôra" (ne ho mangiato altre volte) presenta un "ê i", che si contrae in "é" (tipo "ehi"), così come "a-j ò incôra da masê' ignaquël" (devo ancora preparare tutto);
  • Per le vocali la storia è invece assai più complicata, essendo l'inventario vocalico del Romagnolo assai più ricco, almeno nei dittonghi, di quello italiano.
    • Per prima cosa abbiamo il dittongo che il dizionario scrive ê; questo è quello che ho usato come esempio prima: la mia descrizione precisa è /eɘ̯/, dunque si inizia con una "e" chiusa italiana e si finisce con un suono prossimo alla schwa che è la vocale chiuso-media centrale non arrotondata, che curiosamente al mio orecchio suonava, prima dello studio "preciso" descritto sopra, come una "a" più che una "o", nonostante l'altezza sia la medesima di quest'ultima; evidentemente il mio orecchio percepisce di più la centralità che l'altezza; effettivamente potrebbe anche trattarsi di una schwa: dopotutto distinguere le due vorrebbe dire distinguere, dopo lo spostamento della lingua, una /e/ da una vocale media, cosa che non credo di essere in grado di fare; anch'io adotto la grafia ê (e con circonflesso) per questo dittongo, che è quello per esempio di frê (frate, distinto da fré, scrivibile all'italiana come fréi, che è il plurale) o di mãgnêṙ (mangiare) e mãgnê (mangiato);
    • C'è poi il dittongo che il dizionario trascrive ē, che in grafia italiana si scriverebbbe éi (e chiusa + i); a me risulta che la e aperta da sola (che sarebbe probabilmente é nella grafia del dizionario) non esista nel dialetto che scrivo se non come risultato di un dittongo che perde il secondo elemento (vedi ultimo punto sulle consonanti), e dunque ritengo superfluo introdurre la barra sopra per questo dittongo, e dato che le e aperte dell'Italiano diventano, nella parlata di mia nonna, esattamente questo dittongo, ritengo opportuno usare la é (e con accento acuto) per questo dittongo, il quale è spesso l'unica differenza fra plurale e singolare di certe parole; ad esempio, abbiamo frê (sing., frate) e fré (plurale), oppure mãgnê (mangiato, sing.) e mãgné (plurale), o anche prê (prato, sing.) e pré (plurale);
    • Abbiamo poi il dittongo trascritto con ë nel dizionario, che dai miei studi risulta essere /ɛɐ̯/ o /ɛɜ̯/; in questo caso, i miei studi hano dato risultati insolubilmente contrastanti; in ogni caso, adotto la grafia ë del dizionario; il dittongo in questione si trova ad esempio in stëla (stella), e nel plurale stël (stelle -- o forse è stèll? Non sono del tutto sicuro…);
    • Ho l'impressione che le "e", se seguite da una "n" che a volte scompare, vengano abbassate a /ɛ/ (che si scriverebbe è, e coll'accento grave) o addirittura ad /æ/; anzi, sono sicuro che ho sentito almeno una di queste e, almeno una volta, pronunciata come un dittongo tra /aɛ/ ed /æɛ/; per tale incertezza dell'esatta pronuncia, dove il dizionario usa è, io uso ẽ, per indicare l'effetto della nasale con una tilde, che veniva usata, se non erro, come abbreviazione scribale per una "n" successiva; per esempio, nel termine bẽ (bene), la "n" è scomparsa, ma se ne sente l'effetto nella vocale; analogamente in ẓnẽ (piccolo), che però si dice anche ẓnì, o da ultimo in zẽna (cena), dove la "n" non è scomparsa; la cosa potrebbe essere giustificata anche dalla nasalità di questa vocale, e lo stesso vale per tutte le vocali che indico con tilde; anche qui, c'è da studiare un metodo di ottenere informazioni in merito a mo' di sondaggio;
    • Naturalmente scrivo la e aperta /ɛ/ come è; quella chiusa mi pare esista solo nelle sillabe non toniche, dove non esiste quella aperta, oppure come residuo di un ê/é che perde il secondo elemento, e dunque non la contrassegno;
    • Analogamente succede per la o aperta /ɔ/ e quella chiusa /o/, rispettivamente ò ed ó; qui la distinzione esiste nelle sillabe toniche, per esempio si hanno còt (cotto, con vocale lunga) e cótt (cotti, con vocale breve); nelle sillabe non toniche, la distinzione si neutralizza, e i segni diacritici diventano superflui e pesanti, e dunque non ne faccio uso; per la verità, anche certe ò potrebbero essere dittonghi, precisamente /ɔɐ̯/;
    • C'è poi il dittongo che in grafia italiana sarebbe "óu" (o chiusa + u); non ricordo con certezza cosa faccia in merito il dizionario, ma io uso, come mi pare anche il dizionario, la grafia ô (o con circonflesso), salvo usare la tilde nel caso questo sia l'effetto di una "n", scomparsa o no; quindi abbiamo tô (to', tieni), ma bõ (buono) e casõ (casone, capannone);
    • Abbiamo anche il dittongo scritto ö nel dizionario, che dai miei studi risulta essere /ʊɘ̯/, dove il primo elemento è simile ad una "u", mentre il secondo ha la stessa incertezza di quello di ê descritto sopra; in realtà mi viene il dubbio che il primo elemento sia una /o/ chiusa: dopo tutto, /o/ e /ʊ/ sono molto vicine tra di loro; anche per questo dittongo adotto la grafia del dizionario; per esempio abbiamo öv (uovo o uova, invariabile), röda (ruota), röd (ruote), e a-m arcörd (mi ricordo); notare che in altri "sottodialetti" questo dittongo si risolve in una ò, dando origine al titolo "Amarcòrd" di un film;
    • Il fonema /a/, se seguito da una "n" che a volte scompare, viene pronunciato come /ɘ/, quindi il secondo elemento di ê e ö; tale suono io lo scrivo come ã per pignoleria ortografica, mentre il dizionario lo indica con â, forse risparmiandosi il circonflesso quando non è accentato, scelta giustificata dal punto seguente di questa lista; quindi ad esempio abbiamo mãma, cãna, cã (cane), nãna, mãgna (mangia, terza persona singolare dell'indicativo presente); Wikipedia sostiene che si tratti di una vocale posteriore medio-chiusa nasale /ɤ̃/; sono abbastanza convinto che non sia una vocale posteriore ma una centrale, ma sulla nasalità ho il sospetto che abbia ragione Wikipedia; ancora, devo studiare un modo per investigare la questione;
    • L'ultima cosa da notare è che i fonemi /a/ e /ɘ/ (quindi "a" e "ã"), quando non accentati, tendono a ridursi ad una /ɐ/, quindi una specie di schwa ma colla lingua più in basso, molto vicino ad una "a"; non trascrivo ortograficamente la riduzione, lasciando le grafie dei suoni come accentati;
  • Per stabilire l'accento di una parola, una utile rule of thumb (linea di massima) può essere che, se una parola presenta un solo diacritico, quello indica l'accento, mentre se ne presenta due le tilde perdono sempre ed i circonflessi perdono contro accenti gravi ed acuti, così come fanno le dieresi.
  • L'ultima convenzione ortografica da segnalare ha dietro una questione grammaticale; questo dialetto presenta, in tutte le persone, dei pronomi personali atoni nella coniugazione dei verbi -- come accade in Francese, salvo che in Francese forse si possono omettere a fronte di soggetti specifici tipo "Pietro", mentre in Romagnolo direi proprio di no, ovvero "Pierre mange" funziona in Francese ma non in Romagnolo dove si dice sempre "Pierre il mange"; cose simili si trovano in altri dialetti del nord, per esempio, in Milanese abbiamo "te" di seconda persona, "el" di terza singolare maschile e "la" di terza singolare femminila, mentre alla prima singolare ed al plurale non terza persona troviamo l'assenza del pronome, che io sappia; in Romagnolo abbiamo:
    • "a" di prima persona singolare;
    • "t" di seconda singolare;
    • "'e"/"u" di terza singolare maschile;
    • "la" di terza singolare femminile;
    • "a" anche per prima e seconda plurale;
    • "i" e "al" come plurali di "'e"/"u" e "la" rispettivamente;
    Tali pronomi spesso e volentieri si attaccano a pronomi complemento (complementi oggetto proclitici, "oggetti indiretti" proclitici, particelle riflessive o di verbi intransitivi pronominali), particelle di luogo, all'equivalente dell'Italiano "ne", o alla negazione "n", talvolta anche introducendo vocali eufoniche; in questi casi, introduco dei trattini (-) per separare i pronomi complemento, i pronomi atoni, le particelle di luogo, e il "ne"; ad esempio:
    • "l'ho fatto" si dice "a-l ò fat": "a" pronome atono, "l" = "lo", "ò" = "ho";
    • "non c'è nessuno" si dice "u-n-j è inciõ": "u" pronome atono, "n" negazione, e "j" particella di luogo; "n-j" si contrae in "gn", ma preferisco indicarlo etimologicamente;
    • "non ne ho fatto nessuno" = "a-n-n ò fat inciõ": "a" pronome atono, "n" negazione, e "n" = "ne";
    • "se ne ha per male" (taduzione letterale di un'espressione che significa "ci rimane male") = "u-s-n à par mêl", "u" pronome atono, "s" = "se"/"si", "n" = "ne";
    • "se ne va a casa" = "u-s va a ca": "u" prefisso, "s" = "se"/"si", il "ne" non si mette;
    • "te l'ho pur detto!" = "a-t-l ò pu dètt": "a" pronome atono, "t" "oggetto indiretto", "l" complemento oggetto;
    • con "n" succedono le due seguenti "stranezze":
      • "ne vuoi un po'?" = "in vu-t un pö?", dove "in" è "n" = "ne" con una vocale in più, il pronome atono "t" è finito dopo il verbo come capita nelle domande (vedi sotto), e la tipica particella interrogativa "a" si è persa, fagocitata da "in"; si potrebbe discutere che la "i" sia una forma alternativa di questa particella interrogativa, ma credo che la "i" sia parte di una forma alternative di "n", visto che "in" compare anche nel prossimo punto;
      • "non ne voglio" = "a-nn-in vòi": "a" pronome atono, la negazione si è raddoppiata in "nn" forse per eufonia, e di nuovo "in" ha la vocale in più;
    • Un paio di esempi di vocali eufoniche per chiudere la carrellata:
      • "non vuoi" = "t-a-n vu", "t" prefisso, "a" vocale eufonica, "n" negazione; non si confonda questo con "t-in vu" = "ne vuoi";
      • "alj-u-n fa gnit" = "esse non fanno niente", dove "alj", pronunciato che finisce con una gl come in "gli", è il prefisso "al" in una forma che compare solo:
        • Quando esso è seguito da "n" e da un verbo che impone una vocale eufonica;
        • Quando viene usato con un verbo che inizia per vocale;
        • Quando è seguito da "i" (=ci) (a quanto ne so), "u" è una vocale eufonica, e "n" è la negazione;
    • Da ultimo, quando si fa una domanda, i pronomi atoni vengono collocati dopo il verbo; per esempio, "io mangio" = "a mègn", "mangio?" = "a mègn-j-a?", dove la "-a" è il pronome atono, mentre l'altra "a" è una particella interrogativa; come si è visto, in questi casi uso i trattini per separare i pronomi atoni dal verbo; i complementi e tutto quel che si legava ai prefissi restano davanti al verbo; talvolta, come nell'esempio, si inserisce tra verbo e postfisso una "j", presumibilmente eufonica;

Prima o poi posterò un po' di cose in dialetto per mostrare queste convenzioni con esempi più ampi di singole parole. La bozza esiste già da tempo, ma ha delle lacune da colmare che non ho tempo di trattare. Per ora, c'è una canzone Romagnola, la traduzione di Saffo di cui sopra, e varie traduzioni in Romagnolo (1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, e 9), e tant'è.

Monday, 11 September 2017

God to man

I guess I'll write in English. No English, no Italian, just a Neapolitan song translated to Min Nan. Yeah, a quite peculiar translation, from dialect to dialect :). With English translation sided with the original. Here we go!

Dio a l'ommo

Primma che luce e angelo
Avess’io creato,
Ommo crudele, ‘ngrato,
Pensaje pe’ te sarvà.
Tanno dicette figliemo:
Corr’io quando vorraje.

I’ te voglio bene assaje
E tu nun pienze a me (2v.)

‘Nchiaccato ncuorp’a mammeta
La corpa te facette,
Ma ‘o sango mio spennette
Pe te putè lavà.
E pò te dette n’angiolo
Che vene addò tu vaie…

I’ te voglio bene assaje
E tu nun pienze a me (2v.)

Viè ca li juorne fujeno!
La morte n’aspettare:
Si a me tu vuò turnare
Nun fa difficultà.
Nun fa’ cunn’a tant’autre
Dicenno: e ogge e craie…

I’ te voglio bene assaje
E tu nun pienze a me (2v.)



上帝对人类讲话

我来为你天使
光明创造以前,
残忍忘恩负义的人,
我想怎保存你.
我的契囝儿子按呢这样讲:
你想,我就跑啊.

我真真惜命命很珍惜,
但你我.(两次)

在你啊妈的身体内
罪狀来你脏啊,
但我來開用我的血
为着会洗净你.
以后交予交给你天使,
你去,就来陪伴...

我真真惜命命很珍惜,
但你我.(两次)

日月来比较快奔走啊!
毋通不要死亡:
如果想欲想要转来回来我,
绝对困难啊.
毋通不要像多人一样讲:
"今日来,明仔载明天来"...

我真真惜命命很珍惜,
但你我.(两次)

God to man

Before light and angel
I had created,
Cruel, ungrateful man,
I thought of how to save you.
Thus said my son:
I will run when you want.

I love you a lot
And you don't think of me (2v.)

Dirty in your mother's body
Guilt made you,
But my blood I spent
To be able to wash you.
And then I gave you an angel
Who comes where you go…

I love you a lot
And you don't think of me (2v.)

See that the days fly!
Don't wait for death:
If you want to come back to me
It doesn't pose any trouble.
Don't do like many others
Saying: today, tomorrow…

I love you a lot
And you don't think of me (2v.)



Siōng-tè tùi jîn-lūi kóng uē

Guá lâi uī lí kā thinn-sài
Kah kong-bîng tshòng-tsõ í-tsîng,
Tsân-lím bõng-un-hū-gī ê lâng,
Guá siūnn tsuánn pó-tsûn lí.
Guá ê khuè-kiánn tõ án-ne kóng:
Lí siūnn-beh, guá tõ pháu--ah.

Guá tsin-tsin kā lí sioh-miā-miā,
Tān lí m siūnn-tio̍h guá.

Tsāi lí má-mah ê sin-thé lāi
Tsuē-tsõng lâi hõo lí tsõng--ah,
Tān guá lâi khai-īng guá ê hueh
Uī-tio̍h ē sé-tsīng lí.
Í-āu kau hõo lí thinn-sài,
Lí khì, i tõ lâi puê-phuānn...

Guá tsin-tsin kā lí sioh-miā-miā,
Tān lí m siūnn-tio̍h guá.

Ji̍t-gue̍h lâi khah khuài phun-tsáu--ah!
Tshiánn m--thang tán tio̍h sí-bông:
Nā lí siūnn-beh tńg--lâi guá,
Tsua̍t-tuì bô khùn-lân--ah.
M--thang tshiūnn to lâng it-iūnn kóng:
"Kin-li̍t lâi, bîn-á-tsài lâi"...

Guá tsin-tsin kā lí sioh-miā-miā,
Tān lí m siūnn-tio̍h guá.

Friday, 8 September 2017

Come what may

Today we have a Portuguese song translated into both Mandarin and Min Nan. Unfortunately there is no English. The translations date (probably) little before 17 September 2016. Here we go!

Haja o que houver

Haja o que houver
Eu estou aqui
Haja o que houver
espero por ti
Volta no vento
Ô meu amor
Volta depressa
Por favor

Há quanto tempo,
Já esqueci
Porque fiquei
Longe de ti
Cada momento
É pior
Volta no vento
Por favor...

Eu sei quem és pra mim
Haja o que houver
espero por ti...


无论什么

无论什么
我在这里
无论什么
我等到你
亲爱请你
风中回来
千万请你
赶快回来

啊很久了
我已忘记
我为何有
离你远去
我的时间
越来越坏
啊请你在
风中回来

我知你为我是谁
无论什么
我等到你



无论啥物

无论啥物
阮伫这里
无论啥物
阮等待你
亲爱请你
风中转来
千万请你
赶紧回来

啊真久矣
阮已袂记
阮为何有
离你远去
阮的时间
愈来愈歹
啊请你在
风中转来

阮知你为阮是晌
无论啥物
阮等待你

Wúlùn shénme

Wúlùn shénme
Wǒ zài zhèli
Wúlùn shénme
Wǒ děng dào nǐ
Qīn’ài qǐng nǐ
Fēng zhōng huílái
Qiānwàn qǐng nǐ
Gǎnkuài huílái

A hěn jiǔ le
Wǒ yǐ wàngjì
Wǒ wèihé yǒu
Lí nǐ yuǎn qù
Wǒ de shíjiān
Yuè lái yuè huài
A qǐng nǐ zài
Fēng zhōng huílái

Wǒ zhī nǐ wéi wǒ shì shéi
Wúlùn shénme
Wǒ děng dào nǐ



Bô-lūn siánn-mi̍h

Bô-lūn siánn-mi̍h
Gún tī tse-lí
Bô-lūn siánn-mi̍h
Gún tán-thāi lí
Tshin-ài tshiánn lí
Hong tiong tńg--lâi
Tshian-bān tshiánn lí
Kuánn-kín tńg--lâi

Ah tsin kú--ah
Gún í buē-kì
Gún uī-hô ū
Lī lí hn̄g khì
Gún ê sî-kan
Lú lâi lú pháinn
Ah tshiánn lí tsāi
Hong tiong tńg--lâi

Gún tsai lí uī gún sī siáng
Bô-lūn siánn-mi̍h
Gún tán-thāi lí

Tuesday, 5 September 2017

«Una speranza e una follia»

Per chiudere la serie di canzoni tristi, abbiamo una canzone bellissima, ma anche tristissima, che ogni volta che la sento o la canto mi lascia un groppo al cuore. Si tratta di La casa in riva al mare, di Lucio Dalla, che ho tradotto in Cinese appositamente per questo post, il 30/8/2017 di pomeriggio. Eccola qua!

La casa in riva al mare

Dalla sua cella lui vedeva solo il mare
Ed una casa bianca in mezzo al blu,
Una donna si affacciava... Maria
E' il nome che le dava lui.
Alla mattina lei apriva la finestra,
E lui pensava quella è casa mia
Tu sarai la mia compagna, Maria: Una speranza e una follia.

E sognò la libertà,
E sognò di andare via, via, via,
E un anello vide già
Sulla mano di Maria

Lunghi i silenzi come sono lunghi gli anni,
Parole dolci che s'immaginò:
«Questa sera vengo fuori, Maria,
Ti vengo a fare compagnia».
E gli anni stan passando, tutti gli anni insieme,
Ha gia' i capelli bianchi e non lo sa.
Questa sera vengo fuori, Maria,
Vedrai che bella la città!

E sognò la libertà,
E sognò di andare via, via, via,
E un anello vide già
Sulla mano di Maria

E gli anni son passati, tutti gli anni insieme,
Ed i suoi occhi ormai non vedon più.
Disse ancora: «La mia donna sei tu!»,
E poi fu solo in mezzo al blu.
E poi fu solo in mezzo al blu.
E poi fu solo in mezzo al blu.

Vengo da te Mari',
Vengo da te Mari',
Vengo da te Mari',
Vengo da te Mari'.


海边的家

从他的牢房他看到的只是海洋,
而某个在蓝色中白色的家.
某女从窗看到外面…玛利亚:
他将那女就这样叫.
在早晨上她总来打开家的窗口,
他就来思考:“那就是我的家,
妳就会是我的伴侣,玛利亚“:
就是希望,也是愚蠢.

他也有梦到自由,
他也有梦到远去啊,去啊,去啊,
也有已看到指环
在玛利亚的手上啊.

他想像的沉默时间像年一样长,
他也想像了甜蜜的言语:
«啊我今晚就会出去,玛利亚,
我来跟妳度过时间».
而年已正经过,所有一起的年啊,
头发已经白了,他还不知道.
«啊我今晚就会出去,玛利亚,
妳会看城市太美啦.

他也有梦到自由,
他也有梦到远去啊,去啊,去啊,
也有已看到指环
在玛利亚的手上啊.

而年已经过去,所有一起的年啊,
而他的眼业经看不见啊.
他又说过:”我的女人是妳!“,
然后在蓝色孤单啦.
然后在蓝色孤单啦.
然后在蓝色孤单啦.

我来妳那儿玛丽,
我来妳那儿玛丽,
我来妳那儿玛丽,
我来妳那儿玛丽.

Hǎibiān de jiā

Cóng tā de láofáng tā kàn dào de zhǐshì hǎiyáng,
Ér mǒu gè zài lánsè zhōng báisè de jiā.
Mǒu nǚ cóng chuāng kàndào wàimiàn… Mǎlìyǎ:
Tā jiāng nà nǚ jiù zhèyàng jiào.
Zài zǎochén shàng tā zǒng lái dǎkāi jiā de chuāngkǒu,
Tā jiù lái sīkǎo: “Nà jiùshì wǒ de jiā,
Nǐ jiù huì shì wǒ de bànlǚ, Mǎlìyǎ “:
Jiùshì xīwàng, yě shì yúchǔn.

Tā yě yǒu mèng dào zìyóu,
Tā yě yǒu mèng dào yuǎn qù a, qù a, qù a,
Yě yǒu yǐ kàn dào zhǐhuán
Zài Mǎlìyǎ de shǒu shàng a.

Tā xiǎngxiàng de chénmò shíjiān xiàng nián yīyàng cháng,
Tā yě xiǎngxiàngle tiánmì de yányǔ:
«Ā wǒ jīnwǎn jiù huì chūqù, Mǎlìyǎ,
Wǒ lái gēn nǐ dùguò shíjiān».
Ér nián yǐ zhèng jīngguò, suǒyǒu yīqǐ de nián a,
Tóufǎ yǐjīng báile, tā hái bù zhīdào.
«Ā wǒ jīnwǎn jiù huì chūqù, Mǎlìyǎ,
Nǐ huì kàn chéngshì tài měi la.

Tā yě yǒu mèng dào zìyóu,
Tā yě yǒu mèng dào yuǎn qù a, qù a, qù a,
Yě yǒu yǐ kàn dào zhǐhuán
Zài Mǎlìyǎ de shǒu shàng a.

Ér nián yǐjīng guòqù, suǒyǒu yīqǐ de nián a,
Ér tā de yǎn yèjīng kàn bùjiàn a.
Tā yòu shuōguò: ”Wǒ de nǚrén shì nǐ!“,
Ránhòu zài lánsè gūdān la.
Ránhòu zài lánsè gūdān la.
Ránhòu zài lánsè gūdān la.

Wǒ lái nǐ nàr Mǎlì,
Wǒ lái nǐ nàr Mǎlì,
Wǒ lái nǐ nàr Mǎlì,
Wǒ lái nǐ nàr Mǎlì.

Saturday, 2 September 2017

Heartache, heartache, heartache… happiness? Nope, helplessness.

Today I bring you a Min song I met in my second year of studying Chinese. A very sad song, to top off this series of heartache songs… oh wait. Next post is basically even sadder :). Anyway, the translation dates to 29/8/2017 evening. Here we go then!
给看得懂中文的人的注意 (note to those who read Chinese):也有这张网页解释这首歌,帮忙了我明白。

三声无奈

一时贪着阿君仔1漂亮
痴情目睭眼睛假微微2
为君仔1假爱来
害阮3目屎眼泪四喃垂涕泗横流
二更4过了月斜西
想阮3怎么生命这么不好
花开啊专望期望阿君仔1
无疑不料侥心变心不应该

在窗边啊
攑头举头看天星
哎哟心酸悲
害阮3每日
为伊目屎眼泪
哎哟啊喂
心肝我苦啊
哎哟心肝
哎哟我苦啊喂

三声无奈哭悲哀
月娘月亮是否知阮2心内
失恋伤心流目屎眼泪
好花变成相思植物

Sann siann bô-nāi

Tsi̍t-sî tham-tio̍h a-kun-á suí
Tshi-tsîng ba̍k-tsiu ké bui-bui
Uī kun-á ké-ài lâi tsia̍h-khui
Hāi gún ba̍k-sái sì-làm-suî
Lī kinn kuè-liáu gue̍h tshiâ sai
Siūnn gún ná ē miā tsiah pháinn
Hue khui--ah tsuan-bāng a-kun-á tshái
Bô-gî hiau-sim put ing-kai

Tiàm tsāi thang pinn--ah
Gia̍h-thâu khuànn thinn tshinn
Ai-iō sim-sng-pi
Hāi gún muí-li̍t
Uī i ba̍k-sái tih-sī
Ai-iō-ah-uê
Sim-kuann guá khóo--ah
Ai-iō sim-kuann
Ai-iō guá khóo--ah-uê

Sann siann bô-nāi khàu pi-ai
Gue̍h-niû kám tsai gún sim lāi
Sit-luân siong-sim lâu ba̍k-sái
Hó hue piàn-sîng siunn-si tsai


1 「阿君仔」指歌手的爱人。「阿X仔」闽南语中用来创造亲爱的称谓。
2 「假微微」指示「因为痴迷就眼不全开而看不到爱人的真面目」。
3 闽语的人称代词 闽语有七个人称代替:「我 | guá」,就是「我」;「你 | lí」,就是「你」;「伊 | i」,就是「他、她、它」;「阮 | guán / gún」,意思是「我们、不包括你」;「咱」,就是「咱们」,意思是「我们、也包括你」;「恁 | lín」,就是「你们」;「亻因 | in」,就是「他们」。在歌曲里常常只有一个我和一个你而没有别人,所以「阮」常常跟「我」一样、「咱」常常跟「你我」一样。
4 古代将一夜分为五更,没更约二小时。



Completely helpless

One moment craving, you’re handsome1, oh!
I didn’t know you, love made me blind.
Thanks to your false love I have grieved,
You made me cry my eyes out.

It’s near midnight, the moon’s going down,
I think of why my life’s so bad.
I’m blooming now, please come pluck me!
You should not have changed your mind!

By the window I sit,
I look up to the stars,
My whole heart’s grieving, ah!
For him every day
My tears keep falling,
Ay, goodness me!
Darling, I grieve, oh,
My only love,
Ay me, how much I grieve!

Completely helpless in sadness I cry,
Does the moon know what I feel?
I have lost my love, I cry on,
Once a blossom, just pining now.

1 This is referred to your significant other (or hypothetical s.o. anyway), so change "handsome" to "beautiful" depending on their gender.