Tuesday, 26 September 2017

Di mamma ce n'è una sola

Anche oggi abbiamo una canzone popolare calabrese, in questo caso reperibile su Youtube. La traduzione Cinese è stata molto impegnativa perché son riuscito a tenere le rime dell'originale. Risale al 30/8/2017 tra le 15 e le 16. Vi avverto che «l'è piò longa 'd al litanèi» (è più lunga delle litanie), come disse mio padre in dialetto romagnolo, dunque prendetevi il tempo necessario prima di leggerla. Anche qui i pezzi del tipo "mbilli mbilli" o "ed e giustu, m'u dicu" sono tradotti liberamente in modo da far rima.

La mamma

Rit.
DONNE Pi pi pi pi pi pi pi
UOMINI PUM
DONNE Piripipì

SugnuSono cuntentu mbilli mbilli
ChiChe mè mamma mi fiçifece i capilli:
Mi ndine fiçi a tignitèa gogo,
Cunta: unu, dui, e tre.

Rit.

Sugnu cuntentu, sugnu cuntentu,
Chi mè mamma mi fiçi li denti,
Li fiçi belli, mi ndi fiçi tanti,
Ma nun mi fiçi chiddiquelli ṙavantidavanti

Rit.

Sugnu pigghiatupigliato ṙida cuntintizzicontentezze
Chi mè mamma mi fiçi l’occhiuzzi:
Mi li fiçi cu lu càlibru:
Uno è orbu, e l’autřul'altro è střabicu.

Rit.

Sugnu cuntentu ticchi e ticchi
Chi mè mamma mi fiçi li ricchi:orecchie
Mi li fiçi tutti e du uguali,
Com'a du manichi di rinaliorinale

Rit.

Sugnu cuntentu e la terra basubacio
Chi mè mamma mi fiçi lu nasu:
Mi lu fiçi bellu eleganti,
Com'a chidduquello dell’oliufantielefante

Rit.

Sugnu cuntentu e la gioia trabucca
Chi mè mamma mi fiçi la bucca:
Mi la fiçi cucon misura:
TřasiEntra nu sceccuasino cu tutta la cuṙacoda.

Rit.

Sugnu cuntentu, mancu li cani,
Chi mè mamma mi fiçi li mani:
Mi li fiçi dalla santa aṙmuzzaanimuccia:
Una ch'icolle ìṛitadita, e l’autřal'altra muzza.

Rit.

Sugnu cuntentu – ed è giustu, v'uve lo dicu –
Chi mè mamma mi fiçi u mbiddicuombelico:
Mi lu fiçi di grandi furmatu
Pi putiricipoterci fari u bucatu.

Rit.

Sugnu cuntentu, titimmi e titammi,
Chi mè mamma mi fiçi li iammigambe:
Sì, però non se n’è accorta:
Una è curta, e l’autřal'altra è storta.

Rit.

Sugnu cuntentu, biscotti e taralli,
Chi mè mamma mi fiçi li palli:
Li fiçi grossi, mi ndine fiçi tři,
Ma nun mi fiçi lu pipiripì.

Rit.

Sugnu cutentu, e nun fazzufaccio misteri,
Chi mè mamma mi fiçi li peṙipiedi:
Mi li fiçi quaranta e menzumezzo,
Unu quaranta, e l’autřul'altro menzu.

Rit.

Vui pensate: «Ma quant’è fissafessa:
UndiDove l’appoggia sta cuntentizzacontentezza?»:
Iu su' cuntentu, e lu grassu cula,
Chi di mamma cci ndè una sula.
(Ultime 2 righe 3v.)

Rit. (sempre più veloce)



妈妈

合唱
女:噼噼噼噼噼噼噼
男:嘭
女:噼哩噼噼

我真地快乐,哎呀呕发,
因为妈妈交给了我头发:
也交给了我很多啦,
数数:一条,两条,三条。

合唱

我很快乐啊,很开心啊
因为妈妈交给了我牙,
交给漂亮的,交给了很多阿,
但在口前面没有创作啊。

合唱

我的心现在充满幸福啊
因为妈妈交给了双目啊:
他用量规将它们创了:
一眼斗了,一眼盲了。

合唱

我很快乐啊,我很快乐啊,
因为妈妈交给我双耳呀:
她有创作的是一样的,
就像双耳瓶都有的双耳。

合唱

我现在是快乐的小儿子
因为妈妈交给了我鼻子:
他创作的真的典雅啦,
就像大象的鼻子一样啊。

合唱

我的幸福现在从心出流啊
因为妈妈交给了我口阿:
它的大小一定允宜啊:
驴子跟尾巴都能够进去啊。

合唱

我快乐胜过看物主的狗啊,
因为妈妈教给我双手啊:
她用慈心就来创作啊:
一个有手指,另一个没有啊。

合唱

我很快乐而感谢我的母亲
因为妈妈交给了我肚脐:
她有做的就大于旗幅,
这样能在它里面洗衣服。

合唱

比我更快乐就没有谁啊,
因为妈妈交给我双腿啊:
但她却没有注意啊:
一条短了,一条弯曲啦。

合唱

我很快乐而天色就蓝啦
因为妈妈交给了我蛋蛋:
交给我大的,交给我三个,
但是小鸟不是他给我的。

合唱

我很快乐啊,向你们告诉啊,
因为妈妈交给我双足啊:
大小就是四十半:
一个是四十,另一个是半。

合唱

你们就想:“她一定愚弄啊:
这样的快乐怎能享用啊”:
我很快乐啊,就是可以的
因为妈妈就是唯一的。
(最后两行三次)

合唱(越来越快)

La mamma

Rit.
DONNE Pi pi pi pi pi pi pi
UOMINI PUM
DONNE Piripipì

Sono contento mbilli mbilli
Che mia mamma mi ha fatto i capelli
Me ne ha fatti a gogo,
Conta: uno, due, e tre.

Rit.

Sono contento, sono contento,
Che mia mamma mi ha fatto i denti,
Li ha fatti belli, me ne ha fatti tanti,
Ma non mi ha fatto quelli davanti

Rit.

Sono preso da contentezza
Che mia mamma mi ha fatto gli occhietti:
Me li ha fatti col calibro:
Uno è orbo, e l’altro è strabico.

Rit.

Sono contento ticchi e ticchi
Che mia mamma mi ha fatto le orecchie:
Me le ha fatte tutte e due uguali,
Come due manici di un orinale.

Rit.

Sono contento e la terra bacio
Che mia mamma mi ha fatto il naso:
Me lo ha fatto bello elegante,
Come quello dell’elefante.

Rit.

Sono contento e la gioia trabocca
Che mia mamma mi ha fatto la bocca:
Me l’ha fatta con misura:
[Ci] entra un asino con tutta la coda.

Rit.

Sono contento, nemmeno i cani,
Che mia mamma mi ha fatto le mani:
Me le ha fatte dal profondo del cuore:
Una colle dita, e l’altra mozza.

Rit.

Sono contento – ed è giusto, me lo dico
Che mia mamma mi ha fatto l’ombelico:
Me lo ha fatto di grande formato
Per poterci fare il bucato.

Rit.

Sono contento, titimmi e titammi,
Che mia mamma mi ha fatto le gambe:
Sì, però non se n’è accorta:
Una è corta, e l’altra è storta.

Rit.

Sono contento, biscotti e taralli,
Che mia mamma mi ha fatto le palle:
Le ha fatte tonde, e me ne ha fatte tre,
Ma non mi ha fatto il pipiripì.

Rit.

Sono contento, e non faccio misteri,
Che mia mamma mi ha fatto i piedi:
Me li ha fatti quaranta e mezzo,
Uno quaranta, e l’altro mezzo.

Rit.

Voi pensate: «Ma quanto è fessa:
Dove l’appoggia ‘sta contentezza?»:
Io son contento, e il grasso cola,
Che di mamma ce n’è una sola.
(Ultime 2 righe 3v.)

Rit. (sempre più veloce)



Māmā

Héchàng
Nǚ: Pī pī pī pī pī pī pī
Nán: Pēng
Nǚ: Pīlīpīpī

Wǒ zhēn de kuàilè, āiyā ǒufā,
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ tóufǎ:
Yě jiāogěile wǒ hěnduō la,
Shùshù: yī tiáo, liǎng tiáo, sān tiáo.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, hěn kāixīn a
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ yá,
Jiāogěi piàoliang de, jiāogěile hěnduō ā,
Dàn zài kǒu qiánmiàn méiyǒu chuàngzuò a.

Héchàng

Wǒ de xīn xiànzài chōngmǎn xìngfú a
Yīnwèi māmā jiāogěile shuāngmù a:
Tā yòng liángguī jiāng tāmen chuàngle:
Yī yǎn dòule, yī yǎn mángle.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, wǒ hěn kuàilè a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngěr ya:
Tā yǒu chuàngzuò de shì yīyàng de,
Jiùxiàng shuāng'ěrpíng dōu yǒu de shuāng'ěr.

Héchàng

Wǒ xiànzài shì kuàilè de xiǎo'érzi
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ bízi:
Tā chuàngzuò de zhēnde diǎnyǎ la,
Jiùxiàng dàxiàng de bízi yīyàng a.

Héchàng

Wǒ de xìngfú xiànzài cóng xīn chūliú a
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ kǒu ā:
Tā de dàxiǎo yīdìng yǔn yí a:
Lǘzǐ gēn wěibā dōu nénggòu jìnqù a.

héchàng

Wǒ kuàilè shèngguò kàn wùzhǔ de gǒu a,
Yīnwèi māmā jiàogěi wǒ shuāngshǒu a:
Tā yòng cíxīn jiù lái chuàngzuò a:
Yī gè yǒu shǒuzhǐ, lìng yī gè méiyǒu a.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè ér gǎnxiè wǒ de mǔqīn
Yīnwèi māmā jiāo gěile wǒ dùqí:
Tā yǒu zuò de jiù dàyú qífú,
Zhèyàng néng zài tā lǐmiàn xǐ yīfú.

Héchàng

Bǐ wǒ gèng kuàilè jiù méiyǒu shéi a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngtuǐ a:
Dàn tā què méiyǒu zhùyì a:
Yī tiáo duǎnle, yī tiáo wānqū la.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè ér tiānsè jiù lán la
Yīnwèi māmā jiāogěile wǒ dàndàn:
Jiāogěi wǒ dà de, jiāogěi wǒ sān gè,
Dànshì xiǎoniǎo bù shì tā gěi wǒ de.

Héchàng

Wǒ hěn kuàilè a, xiàng nǐmen gàosù a,
Yīnwèi māmā jiāogěi wǒ shuāngzú a:
Dàxiǎo jiùshì sìshí bàn:
Yī gè shì sìshí, lìng yī gè shì bàn.

Héchàng

Nǐmen jiù xiǎng: “Tā yīdìng yúnòng a:
Zhèyàng de kuàilè zěn néng xiǎngyòng a”:
Wǒ hěn kuàilè a, jiùshì kěyǐ de
Yīnwèi māmā jiùshì wéiyī de.
(Zuìhòu liǎng xíng sāncì)

Héchàng (yuè lái yuè kuài)


Note testuali

  • "Mbilli mbilli" e "titimmi e titammi" sono, a quanto ne so, espressioni perfettamente prive di significato utili unicamente a fare rime; tale è anche l'impressione di una mia amica calabrese, ed è confermato da chi mi ha fornito il testo;
  • Si registra, nel testo che mi è stato fornito, un'oscillazione fra "chi" e "che"; io scelgo di normalizzare tutto a "chi", in quanto voce "più calabro-sicula" nella mia limitata conoscenza;
  • Nel testo che mi è stato fornito, la prima strofa aveva "capiddi"; ora, è chiaro che "mbilli mbilli" ha da far rima, quindi dovrebbe essere "capilli"; inoltre il video ha "capilli"; quindi ho modificato il testo;
  • "Tre" non presenta la "ř" poiché nel video viene pronunciato all'italiana, senza la consonante retroflessa;
  • Nel testo che mi è stato fornito si leggeva "I fici belli", ma visto che "i" e "li" son perfettamente uguali preferisco usare sempre "li";
  • Nel testo fornitomi si registra un'oscillazione tra "non" e "nun", che normalizzo a "nun" per ragioni analoghe a quelle del secondo punto;
  • Su "cuntentizzi", "cuntintizza" e "oliufanti" ho dovuto fare un compromesso tra il mio voler trasformare ogni "e" e "o" non accentata in "i" e "u" rispettivamente, prodotto dal mio "sapere" che in Siciliano è così, e il fatto che mi trovavo nel testo fornitomi "contentizzi", "cuntentizza" e "oleufanti", mentre nel video si sente "cuntèntizzi" ("e" aperta non accentata, l'accento è sulla "i"), "cuntèntézza" (una "e" aperta e l'altra chiusa e accentata) e "oliofanti"; la "u" di "cuntentizza" si può normalizzare perché è una costante del video e oscilla nel testo, la "e" non accentata invece è una costante in entrambi quindi l'ho lasciata come "e"; l'amica calabrese dice che dalle sue parti è «cuntentizzi» (con "e" aperta, credo), invece un certo dizionario riporta cuntintizza, quindi forse dipende dalla zona; trasferiamo questo punto su Quora Italiano; quanto a "oliofanti", ho scelto un ibrido tra il testo e il video, lasciando solo la prima "o" come "o", perché ci cade sopra l'accento della melodia e quindi una bella "o" aperta ci sta bene; stando a chi mi ha fornito il testo, "dovrebbe essere cuntintizzi in teoria" e "il testo è ststo scritto a partire dal video", quindi mi tengo l'oliufanti e metto le cuntentizzi;
  • Se abbiamo "li ricchi", è chiaro che dobbiamo avere "ticchi e ticchi", se no la rima non c'è;
  • I "rinali" (Italiano corrispondente "orinali") di cui nella canzone sono vasi da notte con due manici che somigliano a due orecchie; immagine qui;
  • Curiosità etimologiche: "třasi" deriva dal Latino "transire", mentre "sceccu" viene dal Turco "eşek" (letto "éshek") che vuol dire "asino";
  • È curioso che "cauda" sia diventato "cura": va bene il rotacismo, ma "au" tipicamente si contrarrebbe in una "o" aperta; evidentemente qui la "a" si è proprio persa;
  • "Sugnu cuntentu, mancu li cani" suppongo si riferisca ai cani che fanno le feste al padrone che torna a casa, intendendo che lui è ancor più contento di quei cani; pare (e anche qui) che l'espressione possa avere anche un senso negativo; chiaramente non è il caso di questa canzone; stranamente, il senso positivo non si trova su Internet, e io ne trovo traccia solo in questa canzone e nella spiegazione della stessa da parte della mia amica calabrese; stando a chi mi ha dato il testo, "mancu li cani" si usa per dire una cosa esagerata, quindi "sugnu cuntentu, mancu li cani" è un po' come "Maria chi sugnu cuntentu!" (cfr. "Maria chi sunnu beddi" in una delle tante versioni di Si maritau Rosa in Siciliano);
  • Nel testo trovavo "dda", ma la doppia "d" iniziale rischia di indurre una pronuncia retroflessa che non sarebbe corretta; inoltre, per l'interpretazione che do, "da" è la contrazione di "da" e "a", e quindi necessita di un circonflesso;
  • Nel testo trovavo "chi i irita"; dapprima pensavo dovesse essere "chî rita", con "rita" rotacizzato da "dita" e "chî" contrazione di "cu" e "i"; poi ho sentito il video che diceva "chi ìrita" e non capivo da dove saltasse fuori "ìṛita"; infine ho scoperto che, mentre in Italiano "digitum" ha perso una sillaba ed è diventato "ditu" e poi "dito", in Siciliano/Calabrese c'è stata una metatesi che ha prodotto "giditu", poi la "g" si è indebolita ("jìditu") ed è scomparsa del tutto ("ìditu"), infine abbiamo il rotacismo, e dunque "ìṛitu" e "ìṛita" corrispondono a "dito" e "dita", dopodiché "chî" è azzeccato perché è una contrazione, come avevo pensato; macché contrazione, è un'elisione dura e pura questa!
  • Sia il video che il testo fornitomi hanno "m'u dicu", ma "v'u dicu" mi piace di più (e corrisponde alla traduzione, gnè gnè sto barando perché ho tradotto male :) );
  • Nel testo fornitomi trovavo "mbeddicu", la forma siciliana sarebbe "viddicu", forse l'iniziale "mb" è una forma più arcaica, da un "umbillicus"; questo (e il video, se non erro) giustifica di aver cambiato la "e" in "i", poiché in Calabro/Siculo le "i" non diventano "e" ma restano "i";
  • "Sì però non se n'è accorta" l'ho lasciato così come fosse una frase italiana inserita nella canzone; per "normalizzarla" dovrei mettere "Sì pirò nun si nn'è accorta";
  • Il testo legge "tondi", il video canta "grossi"; io ho scelto di seguire il video, vedendo il fatto che sono "grossi" (oltre che "tři") come una sorta di "rimediare" al "pipiripì" che manca;
  • Come sia saltata fuori la -n- in "menzu" non lo so; la forma originale era "mediu", da cui mi suggeriscono i linguisti di Linguistics Stack Exchange che potrebbe esser derivato un "mezu" e poi in Italiano la "z" s'è raddoppiata mentre in Calabrese s'è prenasalizzata; infatti, dicono, geminazione (raddoppiamente) e prenasalizzazione sono entrambi esempi di "fortizione" (rafforzamento); oppure ci sono esempi di degeminazione e prenasalizzazione nelle lingue semitiche, dunque è possibile che da "mezzu" sia uscito "menzu";
  • Il testo fornitomi legge "dundi"; io ho seguito il video nel perdere la "d", anche se il video canta "unde"; secondo l'amica calabrese varia da zona a zona, e si usano entrambe le forme; in Siciliano, stando al Wikizziunàriu, esistono unni e dunni, oltre alle forme in -a, che sono sconsigliate;
  • "Lu grassu cula" suppongo si riferisca a qualche festa con un vitello grasso in tavola (viene alla mente il figliol prodigo dove al ritorno del figlio il padre fa appunto ammazzare il vitello grasso), dove il grasso che cola è di origine animale e rimanda alla grande gioia per cui si è ammazzato il vitello grasso; in effetti, ho appena sentito un'analoga espressione italiana, «grasso che cola», per indicare una cosa positiva; cfr. Yahoo Answers, WordReference, Forum Corriere; quindi forse una traduzione migliore sarebbe «Io sono contento, è grasso che cola»; spiegazione di chi mi ha fornito il testo: «"lu grassu cula" significa letteralmente (contestualizzato nella canzone) che è più contento di quanto potesse aspettarsi, è cosi tanto il grasso (la grazia ricevuta) che "straborda"»; quindi direi che ci abbiamo preso;
  • Il testo legge "nci ndè", io seguo il video col suo "cci ndè".

No comments:

Post a Comment